Privacy Dati Personali 141106195452
INFORMATIVA 6 Novembre Nov 2014 1955 06 novembre 2014

Isee, ok del Garante della privacy: più tutele ai cittadini

Dovranno essere informati in modo chiaro sull'uso che viene fatto dei loro dati.

  • ...

Il Garante della privacy ha chiesto che i cittadini siano informati in modo chiaro sull'uso che viene fatto dei loro dati.

Via libera del Garante privacy sul modello di Dichiarazione sostitutiva unica (Dsu) necessario per il calcolo dell'Isee, lo strumento di valutazione della situazione economica di coloro che richiedono prestazioni sociali agevolate. Il parere favorevole del Garante, ha spiegato una nota dell'Autorità, «è reso su una versione di schema di provvedimento del ministero del Lavoro e delle politiche sociali che ha integralmente recepito gli approfondimenti e le indicazioni suggeriti dall'Ufficio del Garante volti a rafforzare le garanzie a tutela dei cittadini e a perfezionare il testo per renderlo conforme alla disciplina in materia di protezione dei dati personali».
CONTROLLI ESTESI A DATI PERSONALI. Il Garante ha chiesto, in particolare, che i cittadini siano informati in modo chiaro sull'uso che viene fatto dei loro dati, per quali finalità possono essere trattati, per quanto tempo possono essere conservati, a chi possono essere comunicati. L'informativa così dettagliata è stata inserita nella parte iniziale della dichiarazione per agevolarne la visione prima della compilazione. Nell'informativa è stato poi evidenziato che i controlli dell'Inps sulle informazioni fornite dal dichiarante si estenderanno anche ai dati personali dei componenti il nucleo familiare ed è stato precisato che le informazioni indicate come facoltative (per esempio numero di telefono, e-mail), ora presenti nel modello in modo esplicito, serviranno per avere accesso a determinate prestazioni sociali o per mettersi in contatto con il dichiarante.
DELEGHE PER IL RITIRO. Per quanto riguarda le modalità di ritiro, è stato specificato che i cittadini possono delegare i Caf o gli enti erogatori della prestazione a ricevere, ai soli fini del rilascio, l'Isee e le altre informazioni usate per il calcolo dall'Inps. Nel dare parere favorevole, il Garante, ha sottolineato la nota, ha tuttavia invitato l'Inps e tutte le amministrazioni interessate ad approvare, prima dell'avvio, il previsto disciplinare tecnico contenente le misure di sicurezza per il funzionamento del sistema informativo dell'Isee.
ISEE SUL WEB O VIA PEC. Un sistema complesso e articolato che raccoglie e gestisce una mole rilevante di dati, anche molto delicati. Il cittadino che richiede prestazioni sociali agevolate deve infatti presentare una dichiarazione (dsu) con le informazioni sul proprio nucleo familiare (inclusa la situazione reddituale e patrimoniale) direttamente all'ente che eroga la prestazione, oppure ai Comuni, ai Caf, alle sedi Inps territoriali che provvederanno a trasmettere i dati al sistema informativo gestito dall'Inps. L'Istituto, una volta calcolato l'Isee sulla base delle informazioni raccolte con il modello Dsu e di altre informazioni disponibili negli archivi dell'Inps e dell'Agenzia delle entrate, lo mette a disposizione del richiedente, anche mediante l'accesso al portale web o via pec.

Articoli Correlati

Potresti esserti perso