Economia 6 Novembre Nov 2014 1611 06 novembre 2014

Piazza Affari chiude in calo dello 0,73%

  • ...

Piazza Affari Piazza Affari archivia in territorio negativo una seduta volatile, in cui le parole del presidente della Bce Mario Draghi hanno dato all'azionario uno slancio che si è però dimostrato di brevissimo respiro. L'indice FTSE Mib chiude in calo dello 0,73%, dopo essere arrivato a salire dell'1,7% circa sulla scia dei commenti di Draghi, e l'AllShare dello 0,66%. I volumi nel finale si attestano intorno a 3,5 miliardi di euro.       In Europa l'indice benchmark FTSEurofirst 300 sale di un modesto 0,18%, sotto i massimi di seduta. A Wall Street gli indici sono poco mossi.     Tra i singoli titoli spunti di interesse arrivano dai risultati mentre la stagione delle trimestrali entra sempre più nel vivo. LA BCE PRONTA A INTERVENTI NON CONVENZIONALI. In un primo momento i mercati hanno letto con favore le dichiarazioni del numero uno dell'Eurotower, che ha sottolineato l'unanimità del direttivo della Bce nell'impegno a utilizzare tutte le misure non convenzionali, se necessario. Nella conferenza stampa seguita al meeting odierno della banca centrale, che ha deciso di lasciare invariati i tassi di interesse, Draghi ha inoltre confermato che i programmi di acquisto asset varati dall'istituto centrale avranno un impatto significativo sul bilancio della banca, che dovrebbe riportarsi sui livelli di marzo 2012. Obiettivo quest'ultimo già segnalato da Francoforte nei mesi scorsi ma sui cui - soprattutto di recente - si sono concentrati i dubbi del mercato. La borsa milanese ha però rapidamento digerito l'euforia riprendendo la strada del ribasso, trascinata dalle banche. FINMECCANICA LA MIGLIORE DEL LISTINO. Regina della seduta è Finmeccanica che balza del 6,25% dopo che ieri la società ha sorpreso positivamente gli analisti annunciando una revisione al rialzo della guidance per l'anno in corso alla luce dei risultati in miglioramento del trimestre. Il focus degli investitori è rivolto all'M&A e al piano industriale e a questo proposito l'AD Mauro Moretti ha oggi detto che il piano sarà presentato a fine gennaio mentre le offerte per il settore trasporti in via di dismissione dovranno essere presentate entro il prossimo 17 novembre. IN CADUTA LIBERA TENARIS. Sul fronte opposto Tenaris perde il 3,8% penalizzata da risultati e stime inferiore alle attese del mercato. Tra le altre società che hanno annunciato i risultati trimestrali Yoox cede il 4,7% dopo i conti in linea alle attese, ma gli analisti sottolineano che la società ha definito "impegnative" le cifre del consensus per il 2014. Generali (-0,24%) non mostra invece particolari reazioni ai conti annunciati questa mattina prima dell'apertura della borsa, con gli analisti che parlano di risultati complessivamente migliori del consensus anche se qualcuno evidenzia il combined ratio peggiore delle attese. Ripiegano i bancari, in accelerazione dopo il discorso di Draghi sulla scia del restringimento dello spread tra Btp e Bund decennali. MONTE DEI PASCHI PERDE IL 3,6%. L'indice del comparto italiano cede l'1,4% a fronte del -0,6% del settore in Europa. Molto volatile Mps che chiude in ribasso del 3,6% all'indomani del Cda che ha approvato il piano di rafforzamento patrimoniale per coprire il deficit emerso nei test della Bce basato su un aumento di capitale da 2,5 miliardi, come da attese. Bene Prysmian che ha pubblicato i risultati poco prima della chiusura di borsa.

Correlati

Potresti esserti perso