Borsa 140525224737
MERCATI FINANZIARI 7 Novembre Nov 2014 0931 07 novembre 2014

Borsa: Piazza Affari e spread live del 7 novembre 2014

Seduta debole per la maggior parte dei listini europei. Il rendimento dei Btp scende al 2,37%.

  • ...

Operatori in Borsa davanti ai monitor.

Seduta negativa per Piazza Affari, quella del 7 novembre. Il primo indice Ftse Mib ha fatto registrare una flessione dello 0,99% tra vendite soprattutto sulle banche.
SPREAD A QUOTA 156. Stabile lo spread fra Btp e Bund. Il differenziale si è attestato a 156 punti, sullo stesso livello della chiusura della vigilia. Il rendimento espresso è pari al 2,37%.

17.33 - MILANO CHIUDE A -0,99%. Piazza Affari chiude in flessione. Il Ftse Mib cede lo 0,99% a 19.095 punti.

15.16 - MILANO PEGGIORA CON LE BANCHE: -1,43%. Peggiora l'andamento della Borsa di Milano con l'indice Ftse Mib in calo ora dell'1,43% tra vendite soprattutto sulle banche. Bper cede il 4,27%, Unicredit il 3,60%, il Banco Popolare il 2,89% mentre Bpm il 2,66%. In positivo Autogrill (+2,98%), con Saipem (+2,64%) e Prysmian (+2,62%).

13.36 - EUROPA INCERTA ATTENDE DATI USA. A metà giornata i listini azionari europei si muovono in genere sotto la parità, con Madrid (-1,1%) e Piazza Affari (Ftse Mib -1%) nettamente le peggiori. Va in controtendenza Londra (+0,5%) con il recupero dei titoli dell'energia e delle materie prime. In Piazza Affari sempre molto pesanti le banche: Bper e Banco popolare -3%, Unicredit -2,8%, Bpm e Intesa -2,2%. Tengono Mps e Carige che cedono circa un punto percentuale, piatte Pirelli e Fca, sempre molto bene Autogrill che sale del 3%.

12. 07- MILANO PEGGIORA CON MADRID E BANCHE. Si amplia la corrente di vendite in Piazza Affari, la peggiore Borsa al momento in Europa con Madrid: in un clima instabile l'indice Ftse Mib cede lo 0,8%, dopo aver toccato un minimo di seduta a -1%, con il chiaro peggioramento delle banche. Bper perde il 3,3%, Banco popolare e Unicredit il 2,8%, Intesa e Ubi il 2,5%. E' passata in negativo anche Mps (-0,7%), piatta Telecom, sempre forti Autogrill e Saipem, che salgono di oltre il 3%.

11.23 - PIAZZA AFFARI IN LEGGERA FLESSIONE. Leggera corrente di vendite in Piazza Affari (Ftse Mib -0,3%), che assieme alla Borsa di Madrid è passata in territorio marginalmente negativo. Anche se non si sono registrate tensioni sui titoli di Stato dei Paesi 'periferici', è peggiorato soprattutto il comparto del credito: Bper ha ceduto il 3%, il Banco popolare il 2%, Intesa e Ubi l'1,7%, Unicredit l'1,6%. Mps è sulla parità, bene Autogrill e Prysmian (+2%) e Saipem, che è salita oltre il 3%. Salda Pirelli (+1,5%), ha rallentato Telecom (+0,3%).

10.28 - EUROPA PIATTA. Mercati azionari europei senza una direzione precisa in avvio dell'ultima giornata della settimana: dopo che Wall street ha ritoccato i suoi record storici, l'attesa è per la partenza della Borsa Usa e per i dati macroeconomici, a partire dall'indice di disoccupazione delle 14.30. Pochi stimoli invece dai segnali dell'economia tedesca: il listino migliore è quello di Londra in rialzo dello 0,8%, Francoforte è salita dello 0,2%, Madrid, Parigi e Milano (-0,1%) ondeggiano attorno alla parità.

9.24 - MILANO PARTE PIANO. Partenza in leggerissimo rialzo per Piazza Affari che, dopo i primi scambi, ha frenato rispetto all'avvio in un clima incerto: l'indice Ftse Mib ha segnato una crescita dello 0,1%, con Enel green power in aumento dell'1,8%, Mps e Pirelli dell'1,6% e Telecom Italia dell'1,2%. Piatta Carige, leggeri segni negativi nel settore del credito: Banco popolare -1%, Intesa -0,5% e Unicredit -0,3%. Cti Biopharma è temporaneamente sospesa dalle negoziazioni in attesa di un comunicato.

Articoli Correlati

Potresti esserti perso