Monte Paschi 141103061522
ECONOMIA 12 Novembre Nov 2014 1700 12 novembre 2014

Mps, Cda approva trimestrale

Conti in rosso per 797 milioni, rettifiche a 1,25 miliardi dovuti in gran parte a esami Bce.

  • ...

Palazzo Salimbeni, sede di Mps a Siena.

Dopo l'aumento di capitale nuovi aggiornamenti sulla situazione di Monte dei Paschi di Siena.
È terminato il consiglio di amministrazione (cda) di Banca Mps.
E a quanto si apprende da fonti vicine al board dell'istituto i consiglieri «hanno approvato i conti della trimestrale».
PERDITA 1.150 MILIONI. Mps chiude i nove mesi con una perdita di 1.150 milioni di euro.
Nel singolo trimestre Mps ha perso 797 milioni. Ad annunciarlo la banca in una nota, precisando che le rettifiche sui nove mesi ammontano a 2,46 miliardi, di cui 1,25 miliardi nel solo trimestre, in gran parte dovute agli esami della Bce (Asset quality review).
PROFUMO: «SI VA AVANTI». «Si va sempre avanti». Queste le parole del presidente di Banca Mps, Alessandro Profumo, all'uscita da Rocca Salimbeni dopo la fine del cda.
Il risultato netto di periodo, ha spiegato la banca, è stato «negativamente influenzato dalle risultanze dell'Asset Quality Review» della Bce. Come indicato il risultato netto di periodo, impattato negativamente da numerose componenti non ricorrenti, è di 1,15 miliardi, di cui 797 milioni al terzo trimestre.
RETTIFICHE PER 2,46 MILIARDI. A pesare sono soprattutto le rettifiche nette di valore per deterioramento di crediti per circa 2,46 miliardi di euro (+60% sull'anno precedente), con un impatto del terzo trimestre di circa 1,25 miliardi (+71,8%). Le rettifiche dei primi 9 mesi includono 1,17 miliardi di euro relativi alle esposizioni oggetto di Credit file review (Cfr) effettuato nell'ambito dell'Asset quality review; di queste circa 790 milioni di euro sono incluse nei risultati del terzo trimestre. Queste rettifiche «derivano dalla autonoma valutazione delle posizioni della Cfr effettuata dal gruppo utilizzando i criteri metodologici applicati dalle autorità di vigilanza in sede di Aqr, ritenuti dal gruppo sostanzialmente conformi alla normativa contabile».
MARGINE D'INTERESSE PER 1,55 MILIARDI. Quanto al margine d'interesse si è attestato nei nove mesi a 1,55 miliardi (-2,5%), scontando l'effetto negativo della rideterminazione del valore di rimborso dei Monti bond di fine marzo (circa 147 milioni di euro).
Nel terzo trimestre invece il contributo è stato di 581 milioni, in crescita del 10,3% sul quarter precedente. La dinamica trimestrale è sostenuta positivamente dal parziale rimborso degli aiuti di Stato e dalla riduzione del costo del funding.

Correlati

Potresti esserti perso