Economia 13 Novembre Nov 2014 1052 13 novembre 2014

Sciopero generale fissato il 5 dicembre

  • ...

Otto ore di sciopero generale il 5 dicembre. E poi altre quattro di mobilitazione e di lotta da decidere nei territori. La Cgil va all'attacco su Jobs act e manovra e chiede alla Cisl e alla Uil di fare altrettanto. Le altre confederazioni fanno però sapere di preferire una linea più attendista. Il governo intanto accelera sulla riforma del lavoro e sembra sempre più probabile che il Jobs act sorpassi in Parlamento la Legge di Stabilità, approdando in Aula alla Camera (dove l'iter potrebbe essere blindato con la fiducia) già all'inizio della prossima settimana. E il ministro del Lavoro Giuliano Poletti si dice convinto che non "ci siano i motivi per indire uno sciopero" ma anche che questa sia "una responsabilità che compete al sindacato. Da questo punto di vista - aggiunge - credo che non si possa che prendere atto e rispettare la scelta fatta".  Oltre che sul contenuto e il metodo, la polemica scoppia anche sul calendario. IL DUELLO CON I RENZIANI. Il duello è con i renziani: «È questa l'idea - replica via twitter il sindacato - che il Pd ha dei problemi del mondo del lavoro? Altro che Ponte". Ma il deputato dem, Ernesto Carbone, membro della segreteria Pd, risponde per le rime: «È questa l'idea che ha la Cgil di uno strumento così importante come lo sciopero? Il ponte è servito. 'Coincidence». Ironia, quella del deputato Pd, condivisa anche da qualche altro collega ma che non piace al presidente del partito Matteo Orfini, convinto che si tratti di "un'inutile offesa". E' "triste - dice anche la parlamentare del Pd Rosy Bindi - che nel mio partito ci sia chi pur di delegittimare il sindacato attacca il diritto di sciopero previsto dalla Costituzione". La Cgil si dice comunque pronta a essere "stupita da effetti speciali" ma dice anche di dubitare "che il Governo si stia accingendo a decidere un cambiamento strutturale della legge di stabilità. Per questo penso - afferma Susanna Camusso - che dovremo continuare la nostra mobilitazione". POCHI MARGINI DI MANOVRA. E, in effetti, gli spazi per le modifiche alla manovra non sono mai stati molti. I saldi sono intoccabili, va ripetendo l'Esecutivo, e chi propone correzioni ha l'onere anche di trovare le risorse. Poi certo ci sono temi, anche vicini al sindacato come il taglio ai patronati, che hanno qualche chance di essere rivisti. Ma ad esempio appare difficile - viene evidenziato da fonti di governo - che si riesca a incrementare ulteriormente il fondo per gli ammortizzatori sociali. Una partita, quella della Legge di stabilità, che si intreccia con quella del Jobs act e che potrebbe subire per questa ragione qualche rinvio.  A formalizzare il timing sarà una conferenza dei capigruppo di Montecitorio.

Articoli Correlati

Potresti esserti perso