Milano Rifiuti Ndrangheta 130506123302
INCHIESTA 23 Novembre Nov 2014 1016 23 novembre 2014

Mafie al Nord e imprenditori: tra affari e vessazioni

Aziende in business con i boss, a cui chiedono favori e facilitazioni. O vessate e costrette all'omertà. Il rapporto complesso tra 'ndrine e imprese del Nord.

  • ...

Secondo l’ultimo rapporto Ecomafia la Lombardia è al quarto posto nella classifica dei reati legati al ciclo dei rifiuti.

Fare affari con i clan: un gioco pericoloso.
Una falsa credenza, un idolum fori, per dirla col filosofo Francesco Bacone.
Questa è, secondo i magistrati dell'antimafia milanese - che con l'indagine Insubria hanno portato all'arresto di 44 presunti affiliati alla 'ndrangheta tra Lombardia, Calabria e Sicilia -, la diffusa convinzione che, nel rapporto tra criminalità organizzata e imprenditoria, quest'ultima sia sempre e solo la parte lesa, l'anello debole della catena, la vittima.
Nella maggior parte dei casi, certo, lo squilibrio di forze tra picciotti con la pistola facile, adusi a minacce, estorsioni, intimidazioni, e imprenditori magari finiti nel giogo del racket per ingenuità o bisogno è enorme. E a favore dei primi.
QUELL'IMPRENDITORIA CHE FA AFFARI CON I CLAN. Ma accade e accade spesso che siano gli stessi commercianti, industriali o professionisti del terziario a cercare la Santa alleanza, convinti di poterne trarre benefici di mercato. Per poi scoprire magari di essersi resi schiavi di un meccanismo che non possono controllare e dal quale è difficile uscire.
Le inchieste condotte in questi anni in Lombardia, ossia «Infinito, Blue Cli, Valle-Lampada, Caposaldo», come annota il gip Simone Luerti negli atti dell'indagine Insubria, 
dimostrano «che l'imprenditoria non si limita a subire la 'ndrangheta, ma fa affari con la stessa, spesso prendendo l'iniziativa per il contatto con la criminalità organizzata e ricavandone (momentaneamente) dei vantaggi».

Storie che si nascondono all'ombra delle periferie, dove l'occhio dei media spesso non arriva e fare affari per la 'ndrangheta è più facile e sicuro.

Gli 'ndranghetisti che riscuotevano crediti per conto degli imprenditori

Carabinieri impegnati in un blitz.

Insubria illumina un pezzo di questa realtà. C'è la storia, per esempio, dell'imprenditore nato a Carate Brianza e residente in Svizzera, ora agli arresti, G.B.
Sarebbe stato lui stesso, secondo gli investigatori, a cercare le cosche e a incaricare il presunto 'ndranghetista Michelangelo Chindamo di «riscuotere un preteso credito nei confronti» di un avvocato e di un commercialista svizzeri. E Chindamo, «avvalendosi di altre persone», non avrebbe esitato «a progettare e compiere numerosi atti di intimidazione» per raggiungere lo scopo, scrive il gip.
IL BARISTA CHE CHIAMA I CLAN PER DIFENDERSI DAGLI IMMIGRATI. Sempre a Chindamo si sarebbero rivolti poi un impresario 55enne di Como, operativo nel settore dei carburanti, per riscuotere un credito di 300 mila euro vantato nei confronti di un'altra azienda con sede a Lomazzo, dichiarata fallita nel 2012; l'amministratore delegato di una società di elettronica per recuperare un presunto credito di circa 1 milione di euro dai suoi clienti; il socio di un'azienda idraulica, anch'essa, presunta, creditrice. E persino il proprietario di un bar tabacchi, che avrebbe chiesto l'intervento degli 'ndranghetisti «in quanto a suo dire minacciato da persone di origine extracomunitaria che si sono presentate presso il suo esercizio».

Anche al Nord si preferisce l'omertà: troppa sfiducia nelle istituzioni

Tribunale Milano.

Un «imponente numero di fatti intimidatori», scrivono gli inquirenti, quasi 500 dal 2008 a oggi, solo considerando i Comuni interessati dall'indagine, soltanto in minima parte vengono denunciati a causa «dell'omertà delle vittime (che sempre hanno dichiarato di non avere sospetti su nessuno e di non aver mai ricevuto pressioni o minacce di alcun tipo)».
L'altro aspetto del rapporto imprenditoria-criminalità messo in luce dall'inchiesta, infatti, è proprio questo: per ogni industriale, professionista o colletto bianco colluso, che trae vantaggio dalla relazione col potere mafioso, ci sono decine di altri imprenditori, commercianti o professionisti che si trovano poi costretti a subire violenza, ricatti e intimidazioni. E che per paura spesso non denunciano.
LA SFIDUCIA NELLO STATO. «Significativo il fatto che la totalità degli episodi intimidatori», scrive il gip nell'ordinanza, «(sia quelli dove si è risaliti a precise responsabilità, sia quelli dove gli autori sono rimasti ignoti) sono caratterizzati da una circostanza comune: le vittime, in sede di denuncia, riferiscono quasi sempre di non aver mai subito minacce».
Il che, spiega il gip, non può essere statisticamente sempre vero.
«Se le parti lese, a dispetto della gravità dei fatti subiti, non denunciano gli autori, ciò è dovuto a paura. I commercianti in questi casi preferiscono assicurarsi, sopportare i costi dell'illegalità subita, piuttosto che mettersi dalla parte dello Stato con una denuncia, che può essere foriera di guai peggiori».
Paura, sfiducia nelle istituzioni. E dall'altro lato convenienza quando non aperta mafiosità.

Correlati

Potresti esserti perso