Economia 27 Novembre Nov 2014 1722 27 novembre 2014

Doris pronto a crescere in Fininvest

  • ...

Ennio Doris Ennio Doris, fondatore di Mediolanum grazie anche all'alleanza storica con Silvio Berlusconi, ribadisce di esser pronto a comprare altre quote della società, fino al 5% del capitale, dopo la richiesta di Bankitalia a Fininvest di alienare un 20% delle quote eccedenti il 9,9%. Doris ha rinnovato l'auspicio che il pacchetto resti all'interno della famiglia Berlusconi: «Quel provvedimento riguarda Silvio, non gli altri - ha detto -. La mia famiglia ha più del 40%, ma credo nella mia iniziativa e vorrei dare un segnale forte». Cercherà attivamente un socio alternativo a Fininvest in Mediolanum? Gli è stato chiesto. «Non ho bisogno di un partner - ha detto -. Il diritto di prelazione c'entra poco. La sostanza è che questo gruppo l'ho fondato io e chiunque volesse aver interesse su Mediolanum non potrebbe prescindere da me». Doris ha quindi ricordato che dopo la creazione del trust, sul quale Fininvest è al lavoro, Fininvest avrà 30 mesi di tempo per alienare le quote: «Non credo aspetterà il trentesimo mese», ha aggiunto. Quanto al possibile acquisto di altre quote, «vorrei evitare il delisting - ha spiegato Doris -. La legge prevede che chi fa acquisti superiori a una quota del 5% nel singolo anno deve fare un'offerta" obbligatoria. «Quello che potrei rilevare è un 3, 4 o un 5 per cento».

Correlati

Potresti esserti perso