Economia 27 Novembre Nov 2014 1648 27 novembre 2014

Istat: le microimprese sono il 95,2%

  • ...

Le aziende con meno di 10 dipendenti sono il 95,2% Il sistema produttivo italiano è ancora altamente frammentato: secondo i dati Istat nel 2012 le imprese attive dell'industria e dei servizi erano 4,4 milioni con circa 16,1 milioni di addetti, di cui 11,2 milioni dipendenti. La dimensione media si conferma di 3,7 addetti. La spesa per gli investimenti ammonta a circa 92 miliardi di euro e il valore aggiunto realizzato a circa 690 miliardi. Le microimprese (meno di 10 addetti) sono più di 4,1 milioni il 95,2% delle imprese attive, il 47,5% degli addetti e il 30,8% del valore aggiunto realizzato. I DATI DIVISI PER SETTORE. Nell'industria in senso stretto, rileva l'Istat, le imprese attive sono 437.650, assorbono 4,2 milioni di addetti - in larga maggioranza dipendenti (3,6 milioni, pari al 32,2% dei dipendenti complessivi) - e realizzano circa 245 miliardi di euro di valore aggiunto. Nelle costruzioni sono attive 572.412 imprese che occupano 1,6 milioni di addetti (il 9,6% del totale); il valore aggiunto è di 53,4 miliardi di euro. Nei servizi sono presenti 3,3 milioni di imprese con 10,4 milioni di addetti (per il 36,4% indipendenti) e circa 391 miliardi di euro di valore aggiunto. Il contributo dei tre principali segmenti dimensionali delle imprese alla realizzazione del valore aggiunto complessivo è abbastanza equilibrato: 30,8% dalle microimprese (con meno di 10 addetti), 37,7% dalle imprese piccole e medie (10-249 addetti), 31,5% dalle grandi (250 e più addetti). Il rilevante contributo produttivo delle microimprese deriva da una notevole numerosità (sono il 95,2% delle imprese attive) e da un'ampia dimensione occupazionale (assorbono il 47,5% degli addetti complessivi), concentrata soprattutto nei servizi. IMPRESE CON UN SOLO ADDETTO. All'interno del segmento delle microimprese, risulta rilevante la presenza di imprese con non più di un solo addetto (2,4 milioni di unità), che realizzano un terzo del valore aggiunto di questo segmento dimensionale. Le fasce dimensionali delle piccole (circa 190.000 unità con 10-49 addetti) e delle medie imprese (circa 21.000 unità con 50-249 addetti) assorbono rispettivamente 3,3 e 2 milioni di addetti, con una presenza relativa importante soprattutto nell'industria. D'altro canto, le grandi imprese ammontano a circa 3.400 unità e impiegano 3,1 milioni di addetti su oltre 16 milioni. Alla produzione del valore aggiunto complessivo contribuiscono per il 22,3% le microimprese dei servizi, seguite dalle grandi imprese dei servizi (17,1%) e dalle grandi imprese dell'industria in senso stretto (13,8%). Le imprese delle costruzioni con almeno 10 addetti forniscono il contributo più basso alla realizzazione di valore aggiunto (in totale 3,7%).

Correlati

Potresti esserti perso