Petrolio 141015193711
ANNUNCIO 27 Novembre Nov 2014 1645 27 novembre 2014

Petrolio, l'Opec non taglia la produzione

Arabia Saudita soddisfatta per la decisione del Cartello. Il Brent crolla sotto i 70 dollari al barile.

  • ...

Uno stabilimento per l'estrazione del petrolio.

Nessun taglio della produzione di petrolio da parte dell'Opec. Lo ha annunciato il ministro del petrolio saudita, Al-Naimi, secondo quanto riferisce l'agenzia Bloomberg.
Il Cartello che riunisce 12 produttori di greggio ha quindi deciso di mantenere a 30 milioni di barili al giorno il tetto della produzione, resistendo così alle sollecitazioni di alcuni Paesi, come il Venezuela e l'Iran, di mettere mano alle quote per arrestare la caduta dei prezzi.
PETROLIO AI MINIMI DAL 2010. «L'Opec ha preso una buona decisione», ha dichiarato Al-Naimi, ministro di un Paese che notoriamente era contrario a tagliare le quote di produzione.
BRENT SOTTO I 70 DOLLARI AL BARILE. In seguito alla decisione dell'Opec il Brent, il greggio di riferimento europeo, è crollato sotto i 70 dollari al barile sul mercato di Londra (a 69,91 più precisamente), secondo quanto riferisce l'agenzia Bloomberg.
EFFETTI NEGATIVI SULLE BANCHE. Il calo dei prezzi del petrolio inizia a farsi sentire sulle banche, con Barclays e Wells Fargo che potrebbero incontrare forti perdite su un prestito da 850 milioni di dollari a due società petrolifere. Lo riporta il Financial Times, sottolineando che le potenziali perdite delle banche sono un segnale di come la flessione dei prezzi del greggio si stia facendo sentire sull'economia. Le quotazioni del petrolio sono scese del 30% da giugno.

Articoli Correlati

Potresti esserti perso