Poletti 141025132734
CRISI 28 Novembre Nov 2014 0957 28 novembre 2014

Lavoro, disoccupazione al 13,2%: è record storico

Mai così alta dal 1977. Quella giovanile al 43,3%. A ottobre persi 90 mila posti.

  • ...

Il ministro del Lavoro, Giuliano Poletti.

Record storico per la disoccupazione. Il tasso di persone senza lavoro a ottobre è arrivato al 13,2%, in aumento di 0,3 punti percentuali rispetto al mese precedente e di 1,0 punti nei 12 mesi.
Secondo quanto ha detto l'Istat, si tratta del massimo storico, il valore più alto sia dall'inizio delle serie mensili, gennaio 2004, sia delle trimestrali, ovvero dal 1977 (ben 37 anni fa).
DISOCCUPAZIONE GIOVANILE AL 43,3%. Il numero di disoccupati ad ottobre risulta pari a 3 milioni 410 mila, in aumento del 2,7% rispetto al mese precedente, ovvero di 90 mila unità, e del 9,2% su base annua, con 286 mila persone in più in cerca di un lavoro.
È il dato peggiore del Continente, perché nella media dell'Eurozona e dell'Ue la disoccupazione a ottobre è rimasta invece sostanzialmente stabile all'11,5% e al 10%.
Il tasso di disoccupazione dei 15-24enni ad ottobre è pari al 43,3%, in aumento di 0,6 punti percentuali sul mese precedente e di 1,9 punti su base annua. Lo rileva l'Istat nelle stime provvisorie. I giovani under 25 in cerca di lavoro raggiungono così quota 708 mila.
400 MILA NUOVI POSTI FISSI. Il ministero dal Lavoro, invece, poco prima della pubblicazione dei dati Istat, ha comunicato i dati relativi alla creazione di nuovi posti di lavoro. «Un andamento positivo dei rapporti di lavoro a tempo indeterminato, pari ad oltre 400 mila nuovi contratti, con un aumento tendenziale del 7,1% rispetto ad un anno prima». Rilevazioni pubblicate dal ministero del Lavoro, in base ai primi dati sulle Comunicazioni Obbligatorie relative al terzo trimestre del 2014.
ANCORA TANTO PRECARIATO. Il precariato, però, rimane dominante nei nuovi posti di lavoro. «I rapporti a tempo determinato», ha detto il ministero, «rappresentano circa il 70% dei nuovi contratti, con un incremento dell'1,8% rispetto al terzo trimestre 2013».

Articoli Correlati

Potresti esserti perso