Auto 141017081007
MOTORI 1 Dicembre Dic 2014 1901 01 dicembre 2014

Auto, a novembre mercato italiano in crescita del 5%

Rispetto a ottobre, però, l'incremento è diminuito. Ancora lontani i livelli pre-crisi. Fca su del 5,9%.

  • ...

Operai al lavoro alla catena di montaggio.

Il mercato italiano dell'auto è cresciuto nel mese di novembre del 5% rispetto allo stesso periodo del 2013, grazie all'immatricolazione di 107.965 vetture. L’incremento, pur essendo inferiore rispetto a quello registrato a ottobre 2014 (+9,2% sui 12 mesi precedenti), è stato accolto positivamente dal Centro Studi Promotor, dall'Anfia e da Federauto, che hanno previsto una chiusura in lieve crescita delle vendite nel 2014.
GRUPPO FCA SOPRA LA MEDIA. Il gruppo Fiat-Chrysler ha fatto meglio della media del mercato, immatricolando a novembre 29.500 vetture, il 5,9% in più rispetto al 2013. Secondo i dati diffusi dall'azienda, il marchio Jeep, con oltre 1.600 immatricolazioni, ha fatto registrare una crescita del 245,5%, mentre Panda e 500 sono insieme al 58,4% di quota nel segmento A. La 500L si colloca invece al 51,7% nel suo segmento. Punto e Ypsilon sono infine le vetture più vendute del segmento B, rispettivamente con il 17,3 e il 13,3%.
ANFIA: «SEGNO POSITIVO». «Segno positivo anche a novembre per il mercato italiano dell'auto, nonostante il rallentamento dei ritmi di crescita rispetto al mese precedente», ha commentato Roberto Vavassori, presidente dell'Anfia, che ha confermato «una previsione di chiusura d'anno positiva, attorno a 1.356.000 unità immatricolate, circa 50.000 in più rispetto al 2013».
PROMOTOR: «A FINE ANNO +3,9%». Il Centro Studi Promotor ha stimato per l'intero 2014 l'immatricolazione di 1.355.000 di vetture, pari a un incremento sul 2013 del 3,9%. Anche se, ha precisato il presidente Gian Primo Quagliano, «il livello assoluto raggiunto dalle immatricolazioni nel 2014 è del tutto insoddisfacente: rispetto ai livelli ante-crisi (2007, ndr) vi è ancora un calo del 45,7%».
FEDERAUTO: «2014 CHIUDERÀ A +4,5%». Filippo Pavan Bernacchi, presidente di Federauto, è stato relativamente più ottimista nelle sue previsioni, pur condividendo l'analisi di medio-lungo periodo: «Ormai manca solo dicembre all'appello, per cui possiamo affermare che il mercato italiano chiuderà circa al +4,5%. Arriveremo quindi attorno a 1.360.000 pezzi immatricolati. Siamo molto lontani dai 2.000.000 di pezzi che era la media degli ultimi 5 anni».

Articoli Correlati

Potresti esserti perso