Italia Russia 140318125549
DECISIONE 6 Dicembre Dic 2014 1535 06 dicembre 2014

Gazprom: «South stream è definitivamente chiuso»

L'ad del colosso russo conferma la fine del progetto che coinvolge l'italiana Saipem.

  • ...

Il South Stream è un gasdotto lungo 2.345 chilometri che deve fornire energia all'Europa senza passare dall'Ucraina.

Il progetto per la realizzazione del gasdotto South Stream è «assolutamente chiuso in maniera definitiva». Lo ha detto l'ad del gigante russo del gas Gazprom, Alexiei Miller, in un'intervista all'emittente Rossia-1.
LO STALLO DI SAIPEM. Il 4 dicembre l'italiana Saipem coinvolta nella realizzazione dell'opera aveva annunciato la sospensione del progetto South Stream, precisando che «riguarda tutti i mezzi navali ad oggi impegnati nelle attività relative alla posa delle tubazioni». Allo stato attuale «non è possibile determinare gli impatti economici della sospensione in quanto non è nota la durata né è prevedibile la decisione finale del cliente». Ora la decisione finale sembra stata presa.
AGGIRARE L'UCRAINA. Il South Stream doveva collegare la Russia e l'Unione europea (Ue) senza passare dall'Ucraina. Il progetto è stato sviluppato congiuntamente da Eni, Gazprom, Edf e Wintershall, con un costo valutato il 16 miliardi di euro. Il gasdotto doveva estendersi per 3.600 chilometri, con un tracciato diviso in una sezione offshore nel Mar Nero e una su terra: una volta attraversato il Mar Nero, dalla Bulgaria si doveva dirigere a Nord fino all'Austria attraverso Serbia, Ungheria e Slovenia. Il cantiere è stato aperto a dicembre 2012 e il primo gas era previsto entro fine 2015 in Bulgaria. A regime, nel 2019, la capacità doveva essere di 63 miliardi di metri cubi.
L'INTESA STRATEGICA ENI- GAZPROM. Il progetto nasce dall'accordo firmato nel 2007 tra Eni e Gazprom che si inseriva in una più ampia intesa strategica utile al colosso russo per entrare nel mercato della distribuzione e vendita del gas naturale in Italia e a Eni di sviluppare progetti di ricerca ed estrazione di idrocarburi in Siberia.

Correlati

Potresti esserti perso