Piazza Affari Borsa 130109092309
SCAMBI 9 Dicembre Dic 2014 0900 09 dicembre 2014

Borsa, live Piazza Affari e spread del 9 dicembre 2014

Milano negativa: -2,81%.  Il differenziale Btp-Bund risale a 130 punti. Atene -12,78%.

  • ...

La sede della Borsa italiana.

Seduta negativa per Piazza Affari martedì 9 dicembre. L'indice Ftse Mib ha perso il 2,81% chiudendo con pesanti perdite dopo un'apertura a -1,32% e un calo ridotto a -0,57%.
Giù tutti i titoli del listino. Crollo di Atene, che ha segnato -12,78% sui timori di elezioni anticipate, il ribasso più forte degli ultimi 27 anni.
SPREAD IN RIALZO. Lo spread tra Btp e Bund è risalito a 130 punti, col rendimento del decennale italiano tornato al 2% dopo aver toccato il minimo storico di 1,94% lunedì 8 dicembre.

17.36 - MILANO CHIUDE IN CALO. Piazza Affari ha chiuso in forte calo. Il Ftse Mib ha ceduto il 2,81% a 19.390 punti.

16.23 - ATENE CHIUDE A -12,78%. La Borsa di Atene ha chiuso in fortissimo ribasso, registrando un -12,78%, con l'Indice Athex a 902,84 punti.

15.39 - ATENE CONTINUA A CEDERE: -11%. Indici in picchiata (-11%) alla Borsa di Atene e banche in caduta libera sui timori di elezioni anticipate e di effetti sugli impegni con la Troika dall'esecutivo di Antonis Saramas. Quest'ultimo a sorpresa, insieme al vicepremier Evanghelos Venizelos, ha avviato la procedura per eleggere il nuovo presidente della Repubblica.

15.35 - WALL STREET IN CALO. Apertura in calo per Wall Street, col Dow Jones che ha perso lo 0,77% e il Nasdaq l'1,17%. Male anche l'indice S&P500 che ha ceduto lo 0,74%.

14.40 - MILANO CALA ANCORA. Listino completamente in rosso in Piazza Affari (Ftse Mib -2% a 19.550 punti), compresa Mps (-0,67%), che ha guadagnato fino al 4,5%. Pesanti Banco popolare (-3,38%), Mediobanca (-3,37%), Bper (-3,27%), Ubi (-3,42%), Unicredit (-2,73%) e Intesa (-1,72%) su timori di possibili nuovi accantonamenti richiesti alle banche dalla Bce.

12.39 - RENDIMENTO BTP AL 2%. Il rendimento del Btp a 10 anni è risalito al 2% (2,01%) e lo spread con il Bund si è allargato fino a sfiorare quota 130 punti.

12.32 - CROLLA ATENE. È crollata la Borsa di Atene con le banche. L'indice Ftse Ase, relativo ai titoli a maggior capitalizzazione del listino ellenico, ha segnato un calo del 9,28%, con Piraeus bank (-12,69%), National bank (-11,71%) e Alpha bank (-11,23%). In calo anche Hellenic telecom (-9,07%). Secondo gli operatori preoccupa l'instabilità politica del Paese.

10.41 - MILANO RIDUCE IL CALO: -0,5%. Riduce il calo Piazza Affari dopo oltre un'ora di scambi (Ftse Mib -0,57% a 19.836 punti), con lo sprint solitario di Mps (+3%) ed il recupero di Intesa (-0,16%). Si avvicina alla parità anche Ubi (-0,16%), mentre Banco Popolare (-0,62%) e Unicredit (-0,85%) risalgono dai minimi. In miglioramento anche Eni (-1%), ma restano deboli Tenaris (-1,75%) e Saipem (-1,77%), seppure al di sopra dei valori registrati in apertura. In lieve rialzo Pirelli (+0,18%), stabili UnipolSai e Mediaset.

9.48 - MILANO PEGGIORA: -1,4% CON ENI E BANCHE. Piazza Affari si conferma debole nella prima mezz'ora di scambi (indice Ftse Mib -1,6% a 19.628 punti), frenata da Eni (-2,81%), Tenaris (-2,71%) e Saipem (-2,42%) dopo il taglio del 20% degli investimenti 2015 deciso dall'Americana Conoco. Sotto pressione anche i bancari Unicredit (-1,82%), Intesa (-1,72%), Banco Popolare (-1,69%) e Ubi (-1,63%) a differenza di Mps (+4,38% teorico), congelata al rialzo. Sul settore pesano possibili richieste di nuovi accantonamenti da parte della Bce

9.18 - PARIGI APRE IN RIBASSO: -0,98%. La Borsa di Parigi apre in rosso: l'indice Cac 40 cede lo 0,98% a 4.332,73 punti.

9.18 - LONDRA PARTENZA IN CALO: -0,56%. Partenza in calo per la Borsa di Londra con l'indice Ftse 100 che segna -0,56% a 6.634,69 punti.

9.16 - FRANCOFORTE NEGATIVA IN AVVIO: -1,1%. La Borsa di Francoforte avvia le contrattazioni in deciso ribasso: l'indice Dax perde l'1,1% a 9.904,58 punti.

9.04 - MILANO APRE IN NETTO RIBASSO: -1,32%. Avvio di seduta negativo per Piazza Affari. L'indice Ftse Mib cede l'1,32% a 19.668 punti. A parte Tod's (+0,66%), è in rosso l'intero paniere delle blue chips con Tenaris (,74%), Eni (-2,54%) e Saipem (-2,74%) in forte difficoltà.

Correlati

Potresti esserti perso