Economia 10 Dicembre Dic 2014 1306 10 dicembre 2014

Banzai da record con 18,2 milioni di utenti unici mensili

  • ...

Paolo Ainio Nuovo record per Banzai che a ottobre registra 18,2 milioni di utenti unici mensili (Fonte: Audiweb Total Audience). Il portale di ecommerce si conferma al primo posto fra i player italiani e al quarto posto assoluto dopo Google, Facebook e Microsoft, con una reach pari al 63.3% degli utenti italiani di Internet. Con un incremento di quasi mezzo milione di utenti unici da inizio anno, primo mese di rilevazione della Total Audience comprensiva degli utenti in mobilità, Banzai si assegna anche la palma della maggiore crescita registrata tra le prime 10 properties in Italia nel periodo. CRESCONO I SITI VERTICALI. La crescita è generalizzata su numerosi verticali che hanno registrato nuovi record audience ed in particolare sui due principali segmenti in cui opera Banzai: - PianetaDonna, leader nel segmento editoriale dei femminili, raggiunge a ottobre 9,9 milioni di utenti unici, con una crescita del 19% da inizio anno, con 6,4 milioni di utenti su Desktop e oltre 5 milioni di utenti da mobile. - GialloZafferano.it, sinonimo di cucina in rete, supera per la prima volta gli 8 milioni di utenti mese, con una crescita del 10% da inizio anno, e conferma, per il 3° mese consecutivo, una audience mobile superiore a quella da desktop. LA STRATEGIA SUL TARGET FEMMINILE. «La continua crescita della nostra utenza, che ci permette di avere audience molto vaste, ma concentrate su target di alto valore, è motivo di grande soddisfazione», ha commentato Paolo Ainio, amministratore delegato di Banzai, «i nostri prodotti sono focalizzati sui più importanti segmenti editoriali e crescono perché rispondono in maniera soddisfacente alle passioni e ai bisogni degli utenti Internet italiani», prosegue Ainio, «e il potere d'acquisto per molte categorie di prodotto si concentra proprio sull’audience femminile, dove deteniamo ormai, un primato evidente e dove continuiamo a costruire per il futuro».

Articoli Correlati

Potresti esserti perso