Borsa 140525224737
MERCATI 10 Dicembre Dic 2014 0900 10 dicembre 2014

Borsa, live Piazza Affari e spread del 10 dicembre 2014

Milano a -0,89%. Spread Btp-Bund a 138 punti. Bot, il Tesoro incassa 5,5 mld.

  • ...

Un trader in Piazza Affari a Milano.

Tentativo di rimbalzo fallito per la Borsa di Milano dopo il martedì nero con le perdite causate dalla possibilità che la Grecia vada a elezioni anticipate.
L'indice Ftse Mib ha segnato un calo finale dello 0,89% a 19.217 punti.
Sospesa al ribasso Fca dopo le indiscrezioni di un possibile trasferimento della sede fiscale di Ferrari.
SPREAD IN RIALZO. In rialzo lo spread fra Btp e Bund. Il differenziale è arrivato a 138 punti, contro i 135 della chiusura di martedì 9 dicembre, con rendimento al 2,06%.
Buone notizie dall'asta dei Bot a 12 mesi: il Tesoro ha venduto tutti i 5,5 miliardi di euro.
Il rendimento medio è salito allo 0,418% dallo 0,335% del collocamento di novembre. Il rapporto di copertura è cresciuto a 1,82 da 1,78 precedente.
ASIA IN ROSSO. In rosso le Borse asiatiche per la seconda seduta consecutiva in scia al calo del prezzo del petrolio ormai a ridosso dei 62 dollari al barile.
Tra le peggiori piazze finanziarie spunta Tokyo che ha perso il 2,25%, preceduta da Taiwan (-1%), e Sidney (-0,45%). A livello continentale l'indice Msci ha perso l'1,1%.
Controcorrente soltanto i listini cinesi con Shangai che ha guadagnato il 2,93% nonostante il dato sull'inflazione non sia stato in linea con le attese, frenando sul minimo da cinque anni.

17.34 - MILANO CHIUDE IN CALO A -0,89%. Chiusura in calo per Piazza Affari. L'indice Ftse Mib ha ceduto lo 0,89% a 19.217 punti.

17.21 - MILANO DEBOLE: -0,88%. Piazza Affari si è confermata debole, con il Ftse Mib (-0,88% a 19.219 punti) in coda agli altri listini europei.
Sul paniere prevale il segno meno, con Fca (-5,9%) sotto pressione in attesa di conoscere il prezzo del bond convertendo da 2,5 miliardi di dollari.
Pesante anche Saipem (-4,93%), il cui Cda non ha fornito dettagli sull'impatto dello stop al progetto South Stream.
Deboli i bancari Ubi (-2,6%) e Bpm (-2,1%), sprint di Prysmian (+2,92%), Yoox (+3,24%) e Luxottica (+1,83%)

16.27 - ATENE CHIUDE IN RIBASSO. La Borsa di Atene ha chiuso in ribasso, registrando un -1,01%, con l'Indice Athex a 893,71 punti.

16.17 - MILANO PEGGIORA. Ad oltre un'ora dalla chiusura Piazza Affari peggiora con il Ftse Mib in calo dello 0,83% a 19.231 punti.
Indossa la maglia nera Fca (-5,62%) dopo un congelamento al ribasso a seguito di un maxi-ordine, in attesa dei conoscere il prezzo del prestito convertendo.
Stop anche per Saipem (-4,55% teorico), il cui Cda è ancora in corso, mentre scivolano Cnh (-3,6%), Mediobanca (-2,79%) e Ubi Banca (-3,09%). Più caute Intesa (-1,6%) e Unicredit (-1,15%), bene invece Prysmian (+1,43%)

15.50 - EUROPA STABILE. Borse europee stabili dopo l'avvio fiacco di Wall Street. Milano (-0,18%) è rimasta in coda dietro a Madrid (+0,12%), Londra (+0,17%), Parigi (+0,28%) e Francoforte (+0,7%). Debole Atene (-1,62%) all'indomani di un vero e proprio scivolone su timori di elezioni anticipate e dell'uscita della Grecia dall'euro. In Piazza Affari congelata al ribasso Fca, dopo indiscrezioni di un possibile trasferimento della sede fiscale di Ferrari, giù Saipem (-3,34%), bene Prysmian (+3,2%).

15.44 - FCA CONGELATA AL RIBASSO. Fca è stata congelata al ribasso in Piazza Affari. Il titolo ha segnato un calo teorico del 5,1% a 9,98 euro. Stabile Exor (+0,06%), debole Cnh (-2,11%).

14.37 - MILANO AZZERA GUADAGNI. Le Borse europee rallentano il passo, e mentre Milano (-0,15%) e Madrid (-0,07%) azzerano i guadagni, Atene accelera al ribasso (-2,65%) sui timori legati alla crisi del Paese.
Guardando Piazza Affari, Prysmian resta in testa al paniere principale grazie al 'buy' di Goldman Sachs; bene anche Yoox e Luxottica che salgono, rispettivamente del 3,2 e del 2%.
In rosso invece le banche dalle popolari alle big UniCredit (-0,89%) e Intesa (-1,1%) mentre lo spread sul bund è tornato a 140 punti

12.37 - EUROPA POSITIVA CON TROIKA AD ATENE. Le Borse europee proseguono la seduta in rialzo nel giorno in cui la troika (Fmi, Ue e Bce) è già al lavoro ad Atene sul programma di risanamento dell'economia greca.
I listini hanno guadagnato così oltre mezzo punto percentuale (Stoxx 600) con Francoforte che guida i rialzi (+0,80%).
Milano si mantiene positiva con un guadagno dello 0,37%, con Prysmian e Mediaset (entrambe +3%).
Maglia nera Fca (-1%), mentre indiscrezioni indicano Ferrari valutare il trasferimento della sede fiscale all'estero.

10.50 - ATENE AMPLIA IL CALO (-1,7%). La Borsa di Atene amplia le perdite d'inizio seduta. L'indice Ase perde l'1,7%.

10.29 - MILANO LIMA IL RIALZO. Piazza Affari ha limato i rialzi d'inizio seduta nonostante le Borse europee siano salite di quasi mezzo punto percentuale. Il listino milanese, mentre lo spread sul Bund ha sforato i 140 punti in scia ai timori in Grecia, ha segnato un rialzo dello 0,3%, sulla frenata di Intesa Sanpaolo (-0,88%) e UniCredit (-0,36%). A fare peggio però è stata Fca che ha lasciato l'1,24%. A crescere, invece, è stata Prysmian (+3,54%), promossa da Goldman Sachs a 'buy'. Bene anche Mediaset (+3%) sul dato della raccolta pubblicitaria di novembre.

10.27 - SPREAD SOPRA 140. Lo spread tra Btp e Bund è tornato sopra quota 140 (142 punti base) per la prima volta dal 27 novembre. Il rendimento del decennale italiano ha segnato un rialzo al 2,1%. Sotto pressione i titoli della Grecia con il tasso del decennale salito all'8,2% mentre quello del triennale è schizzato a sopra il 9%.

9.35 - ATENE APRE IN RIBASSO (-0,77%). La Borsa di Atene ha aperto in ribasso, registrando un -0,77%, con l'Indice Athex a 895,90 punti.

9.30 - LONDRA POSITIVA (+0,16%). La Borsa di Londra apre positiva con l'indice Ftse-100 che sale dello 0,16% a 6.539,73 punti.

9.25 - FRANCOFORTE IN RIALZO (+0,67%). La Borsa di Francoforte avvia le contrattazioni in progresso dello 0,67% con l'indice Dax che segna 9.859,78 punti.

9.20 - PARIGI POSITIVA (+0,38%). La Borsa di Parigi apre in rialzo: l'indice Cac 40 guadagna lo 0,38% a 4.280,34 punti.

Correlati

Potresti esserti perso