Borsa 130502093718
MERCATI 15 Dicembre Dic 2014 0912 15 dicembre 2014

Borsa, Piazza Affari e spread live del 15 dicembre 2014

Mps (-8,14%) e Carige i titoli peggiori. Differenziale Btp-Bund in calo a 137 punti. Tokyo negativa.

  • ...

Operatori di Borsa al lavoro.

Seduta negativa per Piazza Affari il 15 dicembre. Dopo un rialzo iniziale dello 0,5% l'indice Ftse Mib ha chiuso a -2,8% appesantito dai titoli bancari.
Mps, dopo diversi strappi, ha perso l'8,14% mentre Banca Carige ha lasciato oltre il 7%. Intesa Sanpaolo ha perso il 4,33%, Unicredit il 4,7%. Hanno tenuto Tod's (+1,5%), Fca (+0,55%) e Saipem (+0,24%).
SPREAD IN CALO. In calo lo spread Btp-Bund a 137 punti, rispetto ai 143 della chiusura di venerdì 12 dicembre. Il rendimento espresso è pari all'1,99%.
TOKYO NEGATIVA. Le borse asiatiche hanno replicato lo scivolone registrato in Europa e negli Usa venerdì 12, con il petrolio ben sotto quota 60 dollari a barile. Tokyo ha ceduto l'1,57%, nonostante l'esito elettorale foriero di stabilità politica. Debole anche Hong Kong, positiva solo Shanghai.

18.30 - SPREAD IN CALO. Lo spread Btp-Bund ha chiuso in calo a 137 punti base dai 143 di venerdì 12 dicembre. Il rendimento del decennale italiano è tornato sotto il 2% a 1,99%.

18.17 - MILANO PEGGIORE IN EUROPA. Milano è stata la peggiore tra le Borse in Europa. L'indice del listino principale, il Ftse Mib ha perso il 2,8% a 18.078 punti con le banche che sono state messe sotto pressione. Tra i peggiori Mps (8,14% a 0,52 euro) crollata mentre rispuntava la pista cinese. Carige ha perso il 7% a 0,059 euro ma anche Intesa Sanpaolo si è arresa agli ordini in vendita (-4,33%) e Unicredit ha lasciato sul terreno il 4,7%. Deboli tra i big anche Eni (-3,49%), Enel (-2,54%) e Snam (-2,5%) ma non sono state risparmiate neppure Pirelli (-3,72%) e Wdf (-3,5%). Tra i pochi titoli rimasti positivi Tod's (+1,5%) e Fiat Chrysler Automobiles (+0,55%). Ha tenuto anche Bpm (+0,29%) e Saipem (+0,24%).

17.41 - MILANO CHIUDE IN PESANTE CALO. Piazza Affari ha chiuso la seduta in pesante ribasso.
Il Ftse Mib ha lasciato sul terreno il 2,8% a 18.078 punti.
Le banche sono state messe sotto pressione, con Mps che ha perso l'8% ma anche con cali superiori al 4% per Intesa Sanpaolo e Unicredit.
Tra i pochi titoli rimasti positivi Tod's (+1,5%) e Fiat Chrysler Automobiles (+0,55%)

17.23 - WALL STREET IN CALO. Wall Street procede in calo con lo S&P 500 che scende sotto quota 2.000 punti per la prima volta da ottobre.
Il Dow Jones perde lo 0,39% a 17.215,78 punti, il Nasdaq cede lo 0,70% a 4.621,03 punti mentre lo S&P 500 lascia sul terreno lo 0,21% a 1.998,13 punti.

17.19 - MPS SEMPRE PEGGIO: -7,6%. Mps intanto è sempre più giù in Borsa.
Il titolo sta quotando infatti sui minimi storici con un calo del 7,62% a 0,52 euro.
Dalle sale operative il tonfo viene legato a cause speculative.
La banca ha ottenuto il primo via libera della Bce al capital plan, mentre indiscrezioni di stampa indicano l'interesse di capitali cinesi a entrare nell'istituto in vista dell'aumento di capitale imposto dall'Eurotower.

16.51 - MILANO IN PICCHIATA: -2%. Piazza Affari sprofonda, il Ftse Mib cede il 2% appesantito dai titoli bancari. Mps, dopo diversi strappi, affonda in calo del 7,09% mentre Banca Carige lascia il 6,77%. Intesa Sanpaolo perde il 3,35%, Unicredit il 3,5%, Ubi il 2,78%. Pesante anche Mediaset (-2,95%) mentre tengono Fca (+1,49%) e Saipem (+1,16%).

15.37 - WALL STREET APRE POSITIVA. Apertura in territorio positivo per Wall Street. Il Dow Jones sale dello 0,39% a 17.361,17 punti, il Nasdaq avanza dello 0,58% a 4.681,58 punti mentre lo S&P 500 mette a segno un progresso dello 0,4% a 2.010 punti.

14.58 - AZZERATO RIALZO CON UNICREDIT. Piazza Affari azzera il rialzo in Piazza Affari e si porta sulla parità dopo quasi ore ore di scambi (Ftse Mib +0,15% a 18.628 punti) ed una lieve incursione in territorio negativo.
Cedono circa 1 punto percentuale Intesa e Unicredit, mentre Mps appare piuttosto nervosa, passando da un calo di oltre il 3% ad un congelamento per eccesso di rialzo. Si confermano brillanti invece Saipem (+3,6%), Bpm (+3,44%) ed Fca (+3,31%) insieme a Tod's (+2,84%). Poco mossa Eni (+0,15%)

14.26 - PIAZZA AFFARI ACCELERA: +1%. Piazza Affari ha accelerato (Ftse Mib +1,05% a 18.795 punti) con Saipem (+4,64%), Bpm (+3,73%) ed Fca (+3,58%) alla vigilia dei dati sulle vendite di auto in Europa, mentre gli analisti di Bnp che indicano in 7,5 mld il valore di Ferrari, alzando da 8,1 a 10,1 euro il prezzo obiettivo dell'ex Lingotto.
Bene anche Exor (+2,02%), a monte della catena di controllo, mentre cede Mps (-1,23%), maglia nera tra le blue chips. In calo Gtech (-0,97%), fiacche Finmeccanica (-0,13%) e Intesa (-0,08%).

13.04 - MILANO BENE CON SAIPEM. Si conferma positiva Piazza Affari (Ftse Mib +0,54% a 18.701 punti) dopo quattro ore di scambi, con gran parte del paniere in rialzo dopo lo scivolone di venerdì scorso.
Rimbalzano Saipem (+4,39%) ed in parte Eni (+0,44%) dopo la lieve inversione di rotta delle quotazioni del greggio.
Acquisti anche su Bpm (+3,44%), Tod's (+2,68%) ed Fca (+2,59%), che favorisce Exor (+1,56%) a monte della catena di controllo. Cedono Finmeccanica (-0,47%), Autogrill (-0,67%), Intesa (-0,41%) ed Mps (-0,61%).

12.57 - MILANO RESISTE: +0,4%. Si mantengono positive le Borse europee, reduci dal tonfo di venerdì scorso. Milano (+0,4%) è in linea con gli altri listini, Madrid (+0,6%) fa lievemente meglio e Atene (+3,16%) accelera. Positivi i futures Usa in vista di una lunga serie di dati macro, mentre l'inversione di rotta delle quotazioni del greggio viene salutata dagli investitori, che premiano i petroliferi Technip (+4,47%), Saipem (+4,33%), Tullow (+3,51%), Galp (+2,4%), Repsol (+1,79%) ed Eni (+0,8%).

10.07 - EUROPA POSITIVA, MILANO +0,6%. Borse europee in lieve rialzo dopo lo scivolone di venerdì scorso a causa delle quotazioni del greggio e dei timori per l'instabilità politica in Grecia. Milano (Ftse Mib +0,6%) precede le altre, a parte Atene (+1,3%), che guadagnano intorno allo 0,2% ad eccezione di Francoforte (+0,13%). Per il 16 dicembre sono previsti i dati sulla fiducia dei manager industriali in Francia, Germania e nell'Ue, con indici in rialzo secondo le stime degli analisti. Bene i futures Usa, in vista di dati macro.

9.53 - MILANO PROSEGUE POSITIVA: +0,4%. Conferma il rialzo dell'apertura Piazza Affari (Ftse Mib +0,3% a 18.655 punti) con Saipem (+3,42%), che rimbalza dopo una serie di sedute in forte calo. Seguono Mps (+1,31%, Eni (+0,8%) e Banco Popolare (+0,35%). In calo Finmeccanica (-1,3%), UnipolSai (-0,91%), Mediaset (-0,81%) e Wdf (-0,61%). Bene Banco Popolare (+0,55%) e Bpm (+0,48%), poco mosse Intesa (+0,25%), Stm (+0,17%) ed Enel (+0,17%). Rally di Bioera (+6,26%) e Damiani (+3,31%), scivola Saes Getter (-4,07%).

Articoli Correlati

Potresti esserti perso