Sindacati Stabilità 141027213837
AGITAZIONE 19 Dicembre Dic 2014 1332 19 dicembre 2014

Legge di stabilità, sindacati pronti a occupare le province

I rappresentanti dei lavoratori delle Pa: «Proteste a oltranza in tutta Italia». Delrio rassicura.

  • ...

Sindacati e rappresentanrti del governo nell'incontro al ministero del Lavoro sulla legge di Stabilità.

Sindacati pronti all'occupazione delle Province a oltranza contro la legge di stabilità. Lo hanno annunciato in una nota unitaria i sindacati della Pubblica amministrazione.
«Oggi la mobilitazione si estende a tutte le province italiane, e senza un intervento del governo, un passo indietro su provvedimenti dannosi e insensati, non si fermerà».
DELRIO RASSICURA. Il sottosegretario Graziano Delrio ha provato a rassicurare: «Il personale delle province non rimarrà per strada ma verrà assorbito tramite blocco di tutte le assunzioni in tutte le amministrazioni dello Stato e affini».
L'esponente del governo ha sottolineato che nel maxi emendamento alla legge di Stabilità ci sarà un elemento di certezza e non d'incertezza come qualcuno ha erroneamente sottolineato».
«EVITARE IL PEGGIO». I segretari generali di Fp-Cgil, Rossana Dettori, di Cisl-Fp, Giovanni Faverin e di Uil-Fpl, Giovanni Torluccio hanno spiegato: «Chiediamo al parlamento di evitare il peggio, alle Regioni di fare la loro parte».
L'obiettivo è combattere «il rischio di esuberi per 20 mila lavoratori a tempo indeterminato e del licenziamento per oltre 2 mila precari».
La protesta si estende anche contro i «pesanti tagli previsti in legge di stabilità». Tagli che per i sindacati «mettono a rischio il funzionamento dei servizi di area vasta, dalla sicurezza scolastica alla tutela ambientale, passando per la viabilità e le politiche attive sul lavoro».
«APICE IN TUTTO IL PAESE». Insomma, hanno avvertito, «la mobilitazione che è cresciuta in queste settimane oggi raggiungerà il suo apice in tutto il Paese, dopo le prime occupazioni di ieri». E hanno assicurato: «Senza un dialogo vero la mobilitazione continua».
Le sigle del pubblico impiego hanno spiegato di volere «un riordino vero», ma, hanno aggiunto, «il governo abbandoni certi toni».

Correlati

Potresti esserti perso