Senato 130109133330
PROTESTA 20 Dicembre Dic 2014 2016 20 dicembre 2014

Legge di Stabilità, la Fieg: «Iva al 4% anche per i giornali online»

La mancata estensione dell'agevolazione nella manovra scatena la rabbia degli editori.

  • ...

L'aula del Senato.

Non passa l'estensione dell'Iva agevolata alle copie digitali dei giornali e ai servizi delle agenzie di stampa, sulla linea di quanto stabilito per gli ebook. Nell'ultima versione della legge di Stabilità, approvata nella notte al Senato e ora in arrivo alla Camera, non c'è traccia dalla misura richiesta a gran voce dagli editori per tentare di porre un freno all'erosione dei ricavi del settore, dando vigore alle vendite online che sono in crescita, ma non ancora in grado di bilanciare la caduta dei prodotti tradizionali.
«DECISIONE INCOMPRENSIBILE». «Bene hanno fatto governo e parlamento» - ha affermato la Federazione italiana editori giornali - «a prevedere nella legge di Stabilità l'Iva al 4% per gli ebook, sulla base della considerazione che un libro è sempre un libro, sia esso di carta o digitale. Non si capisce perché la stessa misura non sia stata prevista, nonostante le ripetute richieste, anche per i giornali, che sono tali, come i libri, a prescindere dal supporto». La Fieg ha aggiunto che «l'abbassamento dell'aliquota fiscale non sarebbe stata un'agevolazione a favore degli editori, ma a favore dei lettori-consumatori e sarebbe andata quindi nella direzione dello sviluppo del settore digitale che gli editori stanno perseguendo con ingenti investimenti».
«TRATTAMENTO DISCRIMINATORIO». Oltre al «disappunto per l'occasione mancata», gli editori hanno espresso l'auspicio che «governo e parlamento, in tempi brevi, prevedano anche per le copie digitali dei giornali e per i servizi delle agenzie di stampa l'aliquota Iva del 4%, per superare il discriminatorio trattamento fiscale tra carta e digitale». La battaglia si unisce a quelle che la Fieg da tempo porta avanti per il riconoscimento da parte dei colossi del web, a partire a Google, del diritto d'autore sui contenuti pubblicati da quotidiani, settimanali e agenzie, oltre che al pagamento delle tasse nei singoli paesi in cui operano. Via libera invece nella legge di Stabilità all'Iva agevolata per gli ebook, che passa dal 22% al 4%, come per i libri cartacei. Ora la battaglia si sposta in Europa, dove non mancano resistenze all'approvazione di un'analoga misura.

Articoli Correlati

Potresti esserti perso