Economia 29 Dicembre Dic 2014 1629 29 dicembre 2014

Fisco, in Italia evasi 231 miliardi

  • ...

Evasione fiscale In Italia sono stati evasi 231 miliardi di euro di Iva nel periodo 2007-2010. E' quanto emerge dall'analisi dell'Agenzia delle Entrate sul tax gap, cioè dell'evasione legata all'Iva stessa, i cui risultati mettono in evidenza che il gap nella base imponibile ammonta per il 77% al consumo finale delle famiglie e per il 23% ai consumi delle imprese. Nel sud (isole comprese) il gap vale circa 83 miliardi, seguono Nord Ovest (27% del totale) Nord-Est (21%) e Centro (17%). In ogni caso, ben 11 regioni presentano propensioni complessive al gap inferiori alla media nazionale. In particolare, Lazio, Valle d'Aosta e Trentino Alto Adige registrano i valori più bassi. IL NORD MEGLIO DEL SUD, MA ATTENZIONE. Nelle regioni del nord est le propensioni al gap degli usi finali delle imprese market sono superiori alla media nazionale e superiori alla media del nord ovest. In generale, la propensione media al gap Iva dei consumi finali delle famiglie del Nord è inferiore a quella del Meridione. Un risultato interessante dell'analisi, che secondo il working paper va comunque considerato con molta cautela, deriva da alcune variabili che esprimono l'effetto deterrente esercitato dall'attività Agenzia delle Entrate. In questo esercizio preliminare, risulta che un aumento del 1% dell'attività di enforcement (espressa in termini di somme riscosse da accertamento) riduca il gap di base Iva del 7%.

Correlati

Potresti esserti perso