Economia 29 Dicembre Dic 2014 1652 29 dicembre 2014

Piazza Affari chiude in calo dell'1,15%

  • ...

Borsa Milano Piazza Affari ha chiuso in calo di poco oltre l'1%, dopo aver ridotto parte delle perdite registrate su attesa e scia del voto del parlamento greco, che non è riuscito ad eleggere il nuovo presidente della Repubblica, aprendo la strada ad elezioni anticipate. Il FTSE Mib ha chiuso in calo dell'1,15% a 19.130 punti, dopo aver perso fino al 3%, in una seduta dai volumi contenuti, per un controvalore pari a circa 2 miliardi. Anche lo spread Btp/Bund 10 anni, dopo essere salito fino a 146 punti base, ha poi visto una lieve riduzione. L'indice europeo FTSEurofirst 300 ha azzerato le perdite. Il FTSE Mi è stato zavorrato dai titoli bancari, che più risentono delle tensioni sullo spread. BANCARI IN CALO. Intesa Sanpaolo e Unicredit hanno perso oltre il 2%, a fronte di un indice di settore in ribasso dello 0,36%. Prese di profitto su World Duty Free (-2,43%) dopo il recente recupero. In deciso calo Eni (-1,47%) ed Enel (-1,85%). Eni, secondo alcuni trader, ha risentito del recente giudizio di S&P, che ha messo in CreditWatch con implicazioni negative i rating 'A/A-1' di lungo e breve termine . Il presidente del Consiglio Matteo Renzi ha inoltre detto che la privatizzazione di un'ulteriore quota del gigante pubblico dell'energia va verificata in base alla situazione del mercato. Yoox e Luxottica guidano il listino con un rialzo dell'1% o più.  Tra i titoli a minore capitalizzazione, Tiscali ha guadagnato quasi il 15% sulla scia dell'accordo raggiunto con i creditori per la ristrutturazione del debito.

Articoli Correlati

Potresti esserti perso