Borsa Milano 130605091408
MERCATI 2 Gennaio Gen 2015 0900 02 gennaio 2015

Borsa, live Piazza Affari e spread del 2 gennaio 2015

Milano chiude in rialzo la prima seduta del 2015: +0,62%. Europa appesantita dai dati sul manifatturiero. Spread Btp-Bund a 125 punti.

  • ...

La Borsa di Milano.

Avvio di 2015 contrastato per i mercati finanziari. Nella seduta del 2 gennaio le Borse europee si sono divise tra i dati deludenti sul comparto manifatturiero, con l'indice pmi dell'Eurozona sceso a dicembre a 50,6, e le parole di Mario Draghi che sembrano avvicinare l'acquisto di titoli di Stato da parte della Bce.
Piazza Affari ha chiuso in rialzo dello 0,62%. A Milano brillano i bancari, guidati da Bpm (+4,88%) e dal Banco Popolare (+2,88%) sulle attese per il Qe della Bce. In luce Wdf (+4,14%), su cui tornano le voci di un'alleanza, Atlantia (+3,05%) dopo l'accordo sull'ecotassa, Azimut (+2,61%) con l'ingresso tra i soci di Lazard mentre l'intesa sul debito premia Bialetti (+6,81%). Deboli Cnh (-1,1%) e Campari (-0,78%).
SCENDE ANCORA IL CAMBIO EURO-DOLLARO. In mattinata l'euro ha toccato nuovi minimi da quattro anni sul dollaro, a 1,2035, mentre calano spread e rendimenti dei titoli di stato periferici.
SPREAD A 125 PUNTI. Lo spread tra il Btp e il Bund scende a 125 punti, segnando un nuovo minimo per il rendimento. Il differenziale tra il titolo decennale tedesco e i Bonos spagnoli cala sotto i 100 punti (98).

17.34 - MILANO CHIUDE IN RIALZO: +0,62%. Seduta positiva per la Borsa di Milano: l'indice Ftse Mib ha chiuso in aumento dello 0,62% a 19.130 punti.

15.42 - WALL STREET APRE POSITIVA. Apertura in territorio positivo per Wall Street. Il Dow Jones sale dello 0,36% a 17.883,28 punti, il Nasdaq avanza dello 0,53% a 4.761,81 punti mentre lo S&P 500 mette a segno un progresso dello 0,3% a 2.065 punti.


13.12 - PIAZZA AFFARI POSITIVA A METÀ SEDUTA: +0,77%. Piazza Affari positiva a metà seduta (+0,77%), in controtendenza rispetto a un'Europa appesantita dai dati sul manifatturiero. A Milano brillano i bancari, guidati da Bpm (+4,88%) e dal Banco Popolare (+2,88%) sulle attese per il Qe della Bce. In luce Wdf (+4,14%), su cui tornano le voci di un'alleanza, Atlantia (+3,05%) dopo l'accordo sull'ecotassa, Azimut (+2,61%) con l'ingresso tra i soci di Lazard mentre l'intesa sul debito premia Bialetti (+6,81%). Deboli Cnh (-1,1%) e Campari (-0,78%).

11.29 - BORSE EUROPEE DEBOLI. Borse europee in ordine sparso, divise tra i dati deludenti sul comparto manifatturiero, con l'indice pmi dell'Eurozona sceso a dicembre a 50,6, e le parole di Mario Draghi che sembrano avvicinare l'acquisto di titoli di Stato da parte della Bce. Francoforte cede lo 0,56%, Parigi e Londra lo 0,2% mentre Milano e Madrid salgono dello 0,5%. In mattinata l'euro ha toccato nuovi minimi da quattro anni sul dollaro, a 1,2035, mentre calano spread e rendimenti dei titoli di stato periferici.

9.27 - IL FTSE MIB AVANZA A +0,98%. Avvio di seduta vivace per Piazza Affari che accoglie con favore le parole con cui il presidente della Bce Mario Draghi alimenta la speranza di un 'quantitative easing' anche in Europa. Il Ftse Mib, il migliore tra gli indici europei, sale dello 0,98% mentre gli spread dei Paesi periferici con il bund tedesco si riducono ancora (125 per il Btp, 98 per i bonos). In borsa corrono le banche, con la Bpm (+2,12%) e Mps (+1,79%), assieme a Gtech (+2,11%) e Atlantia (+1,50%).

9.09 - AVVIO POSITIVO DI 2015 PER MILANO: +0,79%. Positivo il primo indice Ftse Mib del 2015: +0,79% a 19.163 punti.

8.38 - EUROPA A 1,2035 DOLLARI: MINIMI DA GIUGNO 2010. L'euro prosegue l'indebolimento degli ultimi giorni nei confronti del dollaro ed è in calo sul biglietto vede ai minimi da giugno 2010 a quota 1,2035.

Articoli Correlati

Potresti esserti perso