Nouriel Roubini 130904182732
PREVISIONI 2 Gennaio Gen 2015 0801 02 gennaio 2015

Roubini: «Nel 2015 crescerà solo l'America»

Per l'economista frenerà la Cina. Ancora male l'Eurozona. Petrolio verso il taglio.

  • ...

Nouriel Roubini.

La fine della crisi è ancora lontana. Almeno secondo l'economista Nouriel Roubini. Intervistato da Repubblica, ha detto che la crescita nel 2015 dovrebbe essere del 3% circa, un po' superiore al 2014, ma «l'unica area in svilupppo sarà l'America».
Tra i big con il freno a mano tirato spicca la Cina. Secondo Roubini, le riforme per aumentare i consumi nel Paese sono lente, con ripercussioni sulla crescita, che che dovrebbe scendere sotto la soglia del 6%.
EUROZONA MAGLIA NERA. A livello globale, la regione più debole è l'Eurozona. Non è prevista nessuna ripresa nel 2015, e i rischi per il futuro arrivano anche dalla politica, con la crescita di movimenti antieuro in diversi Paesi, dalla Lega Nord in Italia a Syriza in Grecia.
Guardando a Est, la Russia, secondo Roubini, dovrà necessariamente trovare un accordo politico con l'Occidente per salvarsi dal default. Una crisi che arriva anche dal calo del prezzo del petrolio, che penalizza Mosca e altre aree del mondo. Dalla fine dell'anno, comunque, la produzione dovrebbe essere tagliata, e il prezzo al barile si dovrebbe stabilizzare sugli 85 dollari.
GIAPPONE EFFICIENTE. Ancora più a oriente, il Giappone non naviga in buone acque, ma Roubini vede un futuro con speranza per il Paese del Sol levante. Dalla sua, infatti, il Giappone ha un'efficacia operativa e politica che in Europa non si vede.

Correlati

Potresti esserti perso