Economia 8 Gennaio Gen 2015 1552 08 gennaio 2015

Piazza Affari chiude in forte rialzo: +3,6%

  • ...

Borsa Milano Piazza Affari chiude in deciso rialzo, in linea alle altre borse europee, in un mercato che ha sfruttato la buona intonazione di Wall Street con il Dow Jones in salita di oltre l'1,6%.  Il sentiment è migliorato sulla scia degli spunti positivi emersi dalle minute della Fed, di un relativo allentamento delle tensioni per la Grecia e per la tenuta delle quotazioni del greggio che oggi interrompono un calo che durava da quattro settimane. L'indice FTSE Mib sale del 3,69% dopo avere raggiunto un balzo di oltre il 4% nel durante, mentre l'Allshare guadagna il 3,39%, a fronte di un rialzo del 2,91% dell'indice benchmark europeo FTSEurofirst. Il denaro si è riversato su quasi tutti i settori. Nel FTSE Mib strappa Mps con segna una rialzo del 12,39% sulla scia dell'annuncio di Banco Santander di un aumento di capitale da 7,5 miliardi, con alcuni trader che legano il balzo a possibili speculazioni sul fatto che la mossa possa essere propedeutica a un'ipotesi di acquisto della banca senese. Volumi intensi pari a 169 milioni di pezzi. CORRONO I BANCARI Sul resto del settore, Unicredit sale del 4,82%, Pop Emilia del 5% e Pop Milano del 4,12%. Corre anche Intesa SanPaolo (+5,52%). Continua la corsa di Carige (+8,25%) ancora trascinata dalle scommesse su un intervento della Investindustrial di Andrea Bonomi, cui il mercato guarda da tempo come possibile cavaliere bianco dell'istituto genovese. CAMPARI BRINDA CON +4,7%. Seduta positiva per il settore food & beverage europeo che vede spiccare Campari (+4,7%) dopo la promozione di Nomura a "buy" con un target price alzato a 6,2 da 5,5 euro. Ben comprata Autogrill, in rialzo del 4,61%. Nel settore energia Enel sale del 4,53% sulla scia delle indiscrezioni relative a trattative con un pool di banche per allungare di due anni, fino al 2020, una linea di credito da 9,4 miliardi. Secondo gli analisti sarebbe una notizia positiva in quanto ottimizza la struttra del debito e abbassa il costo. ENI E FINMECCANICA. Fra i petroliferi Eni guadagna il 3,89% in una di seduta molto positiva per il settore oil&gas europeo che sale del 2,6%.  Finmeccanica guadagna il 5,09% spinta dalle attese che possa partire a breve la fase finale delle trattative per la cessione di AnsaldoBreda e Ansaldo Sts oltre che dall'annuncio dei contratti firmati alla fine dell'anno. In fondo al FTSE MIB continuano, invece, le vendite su Yoox in calo del 2% circa. Fuori dal paniere, netto ribasso per Amplifon che lascia sul terreno il 5,35%.

Correlati

Potresti esserti perso