Ticket Sanità 150113182029
SPENDING REVIEW 13 Gennaio Gen 2015 1800 13 gennaio 2015

Ticket Sanità, le Regioni: «Stop a esenzioni dai 65 anni»

La proposta al ministero: deroga solo per disoccupati, titolati di pensioni sociali, famiglie numerose o affetti da gravi patologie.

  • ...

Esenzione al ticket sanitario solo per anziani con pensioni sociali, patologie gravi, per chi è disoccupato o per le famiglie numerose: la proposta delle Regioni al ministero.

Stop all'attuale esenzione dal pagamento dei ticket sanitari al compimento dei 65 anni. Sarebbe questa, secondo quanto riferito dal coordinatore degli assessori regionali alla Sanità, Luca Coletto, la proposta che le Regioni intendono avanzare al ministero della Sanità. L'idea è che la deroga sia prevista solo per anziani con pensioni sociali, patologie gravi, per chi è disoccupato o per le famiglie numerose.
LA PROPOSTA: «ESENZIONI SOLO PER I PIÙ BISOGNOSI». «Le aspettative di vita sono aumentate», ha spiegato Coletto, «e si va in pensione più tardi; dunque non ha senso dare esenzioni a persone non afflitte da gravi patologie». «Al tempo stesso», ha aggiunto, «ha più senso prevedere esenzioni per chi è disoccupato o a chi vive con una pensione sociale, o a chi mantiene una famiglia numerosa oppure mantiene la famiglia ed ha uno stipendio basso. Non si toglie nulla a nessuno, ma si sposta l'attenzione verso chi ne ha più bisogno. Questa è la proposta messa a punto dalle Regioni, che tiene conto delle nuove povertà causate anche dalla lunga crisi», è il ragionamento.
I REQUISITI ATTUALI: 65 ANNI E REDDITO SOTTO I 36 MILA EURO. «Speriamo di parlarne presto con il ministro della Salute: già venerdì (16 gennaio, ndr), nel corso dell'incontro previsto al ministero, una informativa sarebbe auspicabile», ha poi aggiunto Coletto. «I nostri sono indirizzi», ha concluso, «ma è il ministero della Salute poi a doverli recepire. Per ora non sappiamo cosa ne pensi il ministero. Le Regioni possono poi ampliare i criteri base, ma questi devono essere definiti dal ministero». A oggi per ottenere l'esenzione bisogna avere compiuto 65 anni e avere un reddito complessivo non superiore a 36.151,98 euro annui.
RIVOLUZIONE PER GLI SPECIALIZZANDI IN MEDICINA. Novità sono in arrivo anche sul fronte delle specializzazioni in medicina. Le Regioni, sempre secondo quanto spiegato dal coordinatore degli assessori regionali alla Sanità, vogliono renderle più semplici e pagare loro stesse gli specializzandi, prevedendo più ore in reparto e meno di didattica.

Articoli Correlati

Potresti esserti perso