Borsa 130213083737
MERCATI 15 Gennaio Gen 2015 2003 15 gennaio 2015

Borsa, la Svizzera sgancia il franco dall'euro: Zurigo crolla

Cancellato il tetto al tasso di cambio. Ma le Borse aspettano la Bce. Milano +2,3%. 

  • ...

Un operatore di Borsa.

La decisione a sorpresa della Banca nazionale svizzera (Snb) di cancellare il tetto fissato al cambio franco/euro a 1,2 ha affondato la Borsa di Zurigo (-8,67% e peggior tonfo degli ultimi 25 anni) ma gli altri mercati europei hanno reagito in modo positivo, spinti dalle attese per il quantitative easing della Bce e dal recupero del petrolio, tornato sopra i 50 dollari al barile.
MILANO POSITIVA. Piazza Affari ha chiuso a +2,32% con l'indice Ftse Mib a 18.837 punti. Positivi anche gli altri listini principali, da Londra a Parigi e Francoforte. Lo spread tra il Btp e il Bund tedesco ha chiuso la seduta a 126 punti base col tasso sul titolo del Tesoro a 10 anni all'1,732%. Nel corso della giornata il differenziale aveva toccato i minimi a 121 punti.
TIMORI PER L'EXPORT. La mossa della Banca nazionale svizzera ha fatto volare in alto il franco (+13%) mentre l'euro è sceso a 1,1575 dollari, un livello che non si vedeva da novembre 2003, per poi risalire attorno a 1,1680 dollari.
A Zurigo, i cali maggiori hanno colpito i titoli più legati all'export, con Swatch in discesa del 16,35%, Cie Financiere Richemont del 15,5%. Ubs ha perso il 12%.
SGANCIATO IL FRANCO DALL'EURO. La Snb ha cancellato il cambio fisso che da settembre del 2011 (nei mesi caldi della crisi dell’euro) aveva cercato di scongiurare un rafforzamento eccessivo del franco e che da tre anni lo teneva fermo a 1,2 contro la moneta unica. Allo stesso tempo ha deciso di ridurre ulteriormente i tassi, già negativi, di mezzo punto percentuale a -0,75%. Nel comunicato dell'istituto centrale si legge che quella del 2011 è stata «una misura eccezionale e temporanea, che ha protetto l’economia svizzera da seri danni». Ora però, ha spiegato la Snb, «per quanto la valutazione del franco sia sempre alta, l’euro si è deprezzato in modo considerevole rispetto al dollaro con il conseguente indebolimento del franco rispetto alla moneta Usa». Per questo la banca centrale elvetica «ritiene che non sia più giustificato mantenere il cambio minimo».

Correlati

Potresti esserti perso