Economia 19 Gennaio Gen 2015 1031 19 gennaio 2015

Uber, 50 mila posti di lavoro in Europa

  • ...

Ube

 non si ferma e punta sull'Europa. Travis Kalanick, il Ceo della società che offre un servizio alternativo ai taxi, sta pianificando per il 2015 un'espansione con più auto e assunzioni di personale. PROMESSI 50 MILA POSTI LAVORO. Parlando a Monaco di Baviera, Kalanick, come riporta il Wall Street Journal, ha spiegato che intende «stabilire una nuova partnership» con le città europee, portando sulle loro strade 400 mila auto e creando 50 mila posti di lavoro. A proposito dei problemi che sta incontrando Uber in Ue, il Ceo ha criticato le regole, che «esistono solo perché l'industria dei taxi sta cercando di proteggere se stessa». SI CERCANO NUOVE REGOLE. Dichiarazione importanti a pochi giorni, il 22 gennaio, dell'incontro a Bruxelles tra i rappresentanti della società californiana e i commissari Ue ai trasporti VIoleta Bulc e al mercato unico Andrus Ansip. Obiettivo di Uber è crescere nelle grandi città europee, da Milano a Madrid, ma per farlo servono regole che consentano alla compagnia di operare. Mentre gli affari in Olanda e Svezia stanno crescendo, ha osservato il numero uno dell'azienda, le associazioni di taxi in Francia, Spagna e Germania stanno percorrendo le vie legali nel tentativo di «soffocare» la concorrenza.

Articoli Correlati

Potresti esserti perso