Borsa 121105092952
MERCATI 27 Gennaio Gen 2015 0922 27 gennaio 2015

Borsa, Piazza Affari e spread live del 27 gennaio 2015

Milano limita i danni: -0,53%. Cali più pesanti a Londra, Parigi e Francoforte. Atene cede il 3,69%.. Differenziale Btp-Bund a 114 punti.

  • ...

Un operatore di Borsa.

Seduta debole ma migliore della media delle altre Borse europee per Piazza Affari quella di martedì 27 gennaio. Milano, insieme con Londra, ha sostanzialmente tenuto i massimi degli ultimi sette anni toccati il giorno prima: l'indice Ftse Mib ha chiuso in perdita dello 0,53% a 20.645 punti, l'Ftse All share in ribasso dello 0,47% a quota 21.892.
Ottima seduta per Saipem dopo indiscrezioni che la danno favorita nei contratti di fornitura al giacimento di Kashagan: il titolo, il migliore tra quelli a elevata capitalizzazione, è salito del 4% finale a 8,23 euro, con un portavoce che afferma come sulla questione «le discussioni con il consorzio» siano «ancora in corso».
SPREAD IN RIALZO. Lo spread tra il Btp e il Bund tedesco ha chiuso a 113 punti base, in lieve rialzo dai 110 del 27 gennaio, col tasso sul decennale italiano all'1,53%. Il differenziale Atene-Berlino si attesta a 865 punti base col rendimento del decennale ellenico in netto rialzo al 9,23%.
TOKYO POSITIVA. Borse asiatiche contrastate con un occhio alla Grecia e alle scommesse sulla permanenza di Atene nell'area euro. Tokyo fa un nuovo passo in avanti (+1,72%) mentre cedono Hong Kong e Shanghai dopo il dato in calo dell'8% a dicembre sugli utili delle industrie cinesi.


17.58 - PARIGI CHIUDE IN CALO: -1,09%. La Borsa di Parigi chiude in calo dell'1,09% con l'indice Cac 40 a 4.624,21 punti.

17.57 - LONDRA NEGATIVA -0,60%. La Borsa di Londra chiude in calo dello 0,60% con l'indice Ftse-100 a 6.811,61 punti.

17.56 - FRNCOFORTE TERMINA NEGATIVA: -1,57%. L'indice Dax della Borsa di Francoforte chiude in calo dell'1,57% a 10.628,58 punti.

17.34 - MILANO CHIUDE IN LIEVE CALO: -0,53%. Seduta negativa per la Borsa di Milano: l'indice Ftse Mib ha chiuso in perdita dello 0,53% a 20.645 punti.

16.42 - ATENE CHIUDE A -3,69%. Seconda giornata di forte calo dopo il voto per la Borsa di Atene: l'indice principale ha chiuso in diminuzione del 3,69%, dopo aver toccato un ribasso superiore al 6% in corso di seduta. Le vendite sono scattate dopo le indiscrezioni sulla composizione del governo con le banche che hanno chiuso molto male: Pireus, Eurobank e National bank of Greece hanno accusato cali oltre il 10%. Male anche i titoli di Stato, il cui rendimento è salito più di 40 punti base con il decennale al 9,2%.



15.44 - MILANO DEBOLE A -0,7%. L'avvio di Wall street non ha mosso i mercati azionari europei, che si avvicinano alla chiusura in calo di circa un punto percentuale con Atene che cede sempre il 5% e Piazza Affari che prova a contenere le perdite (Ftse Mib -0,7%). A Milano sospesa al rialzo Saipem dopo indiscrezioni che la danno favorita nei contratti di fornitura al gasdotto di Kashagan, seguita da A2A (+2%) e Mediobanca (+1,7%). Prese di beneficio su Fca (-2,9%), deboli Mediaset (-2%) e Unicredit (-1,6%).

14.53 - ATENE CEDE IL 5% CON LE BANCHE. Si amplia la corrente di vendite sulla Borsa di Atene: l'indice generale ha ceduto oltre il 5%, con i titoli bancari in chiara difficoltà (Eurobank -20%, Alpha -19% e Pireus -18%). Come il 26 gennaio sotto forte pressione anche i titoli di Stato: il rendimento sul decennale ellenico sale di circa 40 punti base, con il rendimento al 9,21%.

14.11 - EUROPA DEBOLE CON MILANO A -0,8%. A metà giornata le Borse europee, dopo i massimi degli ultimi 7 anni toccati il 26 gennaio, rimangono negative, con Atene (-4,5%) sempre molto debole. Tra i mercati principali i peggiori sono Parigi, Francoforte (indebolita da Siemens che cede il 2,5% dopo i dati) e Madrid, che perdono circa un punto percentuale. Tiene Londra (-0,4%) con Milano (Ftse Mib -0,8%) che prova a contenere le perdite. In Piazza Affari prese di beneficio su Fca (-2%), debole Finmeccanica (-1,9%) e in genere le banche.

12.00 - SPREAD A 114 DOPO ASTA TESORO. Lo spread tra Btp e Bund è poco mosso con oscillazioni sui 114 punti base dopo i risultati dell'asta del Tesoro. Il rendimento del 10 anni italiano è all'1,52%.



11.51 - ASTA BTP, VENDUTI TUTTI 3 MILIARDI. Il Tesoro ha collocato Ctz a 24 mesi fino a 2 miliardi di euro con il tasso al minimo storico dello 0,281%. Venduti anche Btp indicizzati all'inflazione dell'Eurozona con scadenza 5 e 30 anni per il massimo importo complessivo di un miliardo. Il tasso sul quinquennale è pari allo 0,2% e quello sul trentennale all'1,16%.

11.11 - MILANO PEGGIORA. Peggiora Piazza Affari (-0,77%) insieme al resto d'Europa. Al calo contribuisce Fca: dopo un buon avvio oltre il livello record dei 12 euro il titolo ha invertito la rotta ed è ora il peggiore sul listino principale (-2,76% a 11,65 euro). Prese di profitto anche sulle popolari con in testa Bpm (-2,21%), Bper (-2,02%) e il Banco Popolare (-1,55%) e sui bancari in generale, eccetto Carige (+1,1%). Fuori dal comparto bene A2a (+2,12%) e Autogrill (+1,43%), rallenta Stm (+0,6%).

10.35 - IL CONTINENTE FRENA. Frenano le borse europee e interrompono una serie positiva partita prima dell'annuncio del quantitative easing della Bce. La bufera di neve su New York non dovrebbe impedire l'apertura regolare di Wall Street dove i futures sono in leggero calo. Nel Vecchio Continente Milano (-0,4%) è la peggiore tra prese di profitto sulle banche, Madrid cede lo 0,3% al pari di Parigi, Francoforte lo 0,21%. Resta sullo sfondo il destino della Grecia.

9.40 - EUROPA PIATTA. La Borsa di Londra apre invariata con l'indice Ftse-100 a 6.847,7 punti. La Borsa di Francoforte apre sulla parità con l'indice Dax 10.796,0 punti. La Borsa di Parigi apre in lieve rialzo dello 0,1% con l'indice Cac 40 a 4.679,2 punti.

Correlati

Potresti esserti perso