Juncker 150129124223
SCONTRO 29 Gennaio Gen 2015 1240 29 gennaio 2015

Grecia, Juncker: «Escluso cancellare il debito»

Tsipras vede Schulz ad Atene: «Basta con l'errore dell'austerità ma niente strappi».

  • ...

Il presidente della Commissione Ue, Jean-Claude Juncker.

L'Eurozona non ha intenzione di fare sconti ad Atene.
«Cancellare il debito della Grecia è escluso», ha detto il presidente della Commissione europea, Jean-Claude Juncker, in un'intervista al quotidiano francese Le Figaro. «Gli altri Paesi della zona euro non lo accetterebbero», ha argomentato il numero uno di Palazzo Berlaymont.
ATENE RISPETTI L'UE. Juncker ha poi precisato che se l'Ue «rispetta il suffragio universale», allora «la Grecia deve rispettare gli altri, le opinioni pubbliche e i parlamentari del resto dell'Europa».
Secondo il presidente della Commissione Ue, «dire che un mondo nuovo ha visto la luce dopo lo scrutinio di domenica 25 gennaio non è vero»: «Accordi sono possibili, ma non cambieranno fondamentalmente ciò che è già messo in atto».
TSIPRAS: «BASTA CON L'ERRORE DELL'AUSTERITÀ MA NIENTE STRAPPI». Nell'ottica dell'apertura di un dialogo con l'Ue, nel pomeriggio di giovedì 29 gennaio il neo premier greco Alexis Tsipras ha avuto un colloquio ad Atene con con il presidente del Parlamento europeo Martin Schulz. «La Grecia ha un progetto di grandi riforme e non vuole insistere nell'errore dell'austerità», ha dichiarato Tsipras dopo il vertice, aggiungendo però che Atene vuole trattare con l'Ue e non far saltare il banco: «Coloro che puntano al contrario molto presto saranno smentiti».
TSIPRAS A ROMA DA RENZI. Il premier, che il 3 febrraio sarà a Roma ospite di Matteo Renzi, ha definito l'incontro con Schulz «utile e costruttivo». «La Grecia», ha sottolineato Tsipras, «ha un progetto di produttività costruttiva e di grandi riforme e non vuole insistere nell'errore dell'austerità». «Per quattro anni», ha aggiunto, «il popolo greco ha vissuto quotidianamente il fallimento del programma della svalutazione interna. In sostanza pagava per gli errori degli altri».
«Vogliamo trattare di sicurezza e stabilità. Coloro che puntano al contrario possono star certi che molto presto saranno smentiti». L'Europa, ha concluso il premier, «supererà la crisi e sarà più forte di prima».
SCHULZ: «IL GOVERNO GRECO DESIDERA COMUNE ACCORDO». «Il governo greco è pronto ad aprire un dialogo con i suoi partner e io ne sono contento», ha detto Schulz secondo il quale Tsipras ha mostrato desiderio di «trovare soluzioni di comune accordo».
Schulz ha aggiunto di aver «constatato che il governo greco non seguirà una strada propria, ma discuterà». «Certamente ritengo che le discussioni saranno accompagnate da divergenze, ma io ho visto che la Grecia cerca soluzioni di comune accordo», ha concluso.
RUSSIA PRONTA A DARE AIUTI. La Russia, intanto, si è detta disponibile a fornire aiuti finanziari alla Grecia. Lo ha dichiarato in un'intervista esclusiva alla Cnbc a Mosca il ministro delle Finanze Anton Siluanov. La Grecia non ha ancora avanzato alcuna richiesta, ha precisato il ministro, ma «se lo facesse la prenderemmo sicuramente in considerazione».

Articoli Correlati

Potresti esserti perso