Economia 3 Febbraio Feb 2015 1025 03 febbraio 2015

Banzai in Borsa vale fino a 277 milioni

  • ...

Paolo Ainio Banzai è pronta a sbarcare in Borsa e punta a portare sul mercato fino al 39,4% del capitale. Il debutto sul segmento Star della prima matricola del 2015 è previsto per il 16 febbraio. L'internet company (creatura di Paolo Ainio e che vede tra gli azionisti anche Matteo Arpe attraverso Arepo Bz) specializzata in e-commerce e editoria verticale online, viene valorizzata tra 220 e 277 milioni di euro. COLLOCAMENTO APERTO FINO ALL'11 FEBBRAIO. Il collocamento termina l'11 febbraio (salvo proroghe o chiusura anticipata) con un'offerta tra 6,75 e 8,50 euro per azione. Nei dettagli il collocamento esclusivamente istituzionale ("E' il processo più facile almeno in questa fase che comprende la crescita", sottolinea Ainio), riguarderà fino a 16 milioni di azioni ordinarie, per metà rivenienti da aumento di capitale e per metà da titoli posti in vendita. Verrà data priorità al collocamento primario per l'aumento di capitale, fino alla raccolta di 50 milioni di euro. In caso di integrale sottoscrizione delle azioni Arepo BZ, società indirettamente controllata da Sator Private Equity Fund, deterrà una partecipazione pari al 12,92% (attualmente ha il 26,4%), Ainio avrà il 21,45% (ora al 27,6%), i 17 manager della società saranno al 9,34% (ora 13,9%) e altri azionisti il 16,89% (ora 21,2%). OBIETTIVI DELLA RACCOLTA. Mentre il mercato, come detto, deterrà il 39,4% del capitale sociale. Il primo obiettivo e "di spingere sulla leva della crescita", spiega il ceo e fondatore Paolo Ainio che sottolinea come l'operazione non sia stata messa in piedi "per acquisizioni rilevanti". "Siamo pronti per fare" questo passo, aggiunge riguardo alla borsa rilevando che "ci sono le condizioni di mercato". Banzai, che ha nel suo ricco carnet i siti di e-commerce ePRICE, SaldiPrivati ed è attiva nell'editoria online con Giallo Zafferano, Pianeta Donna, Studenti.it, ilPost e Liquida, punterà ad investimenti nel marketing e ad acquisizioni di clienti. RIPARTIZIONE DEGLI INVESTIMENTI. Poi utilizzerà il 20-25% delle risorse raccolte per migliorare il proprio servizio. Un altro 20-25% sarà dedicato alla tecnologia. Per il pareggio di bilancio ci sarà da aspettare ma Ainio non sembra preoccupato anche perché i ricavi ci sono. "Abbiamo sempre mantenuto perdite contenute", sottolinea spiegando che "investire nella crescita comporterà delle perdite" in futuro ma, d'altro canto, "tre anni fa eravamo la metà di quello che siamo oggi". Banzai conta su 446 tra dipendenti e collaboratori ed è il principale editore italiano puramente online grazie a oltre 18 milioni di visitatori unici mensili ovvero oltre 3 milioni di visitatori unici quotidiani.

Articoli Correlati

Potresti esserti perso