Economia 6 Febbraio Feb 2015 1923 06 febbraio 2015

Piazza Affari ha chiuso in ribasso: -0,28%

  • ...

Borsa Milano Piazza Affari ha chiuso in lieve calo, dopo aver registrato un temporaneo miglioramento sulla scia dei dati mensili sull'occupazione negli Stati Uniti, risultati più forti del previsto. Secondo i numeri forniti dal Dipartimento del lavoro statunitense, gli occupati non agricoli sono saliti il mese scorso a quota 257.000, sopra le stime di 234.000. L'indice FTSE Mib ha archiviato la seduta con un ribasso dello 0,28%, l'Allshare ha ceduto lo 0,27%. Il benchmark europeo Eurofirst300 segna +0,19%. Volumi per un controvalore di 2,53 miliardi di euro. CORRONO LE POPOLARI. In evidenza le banche popolari e Mps, raggruppate nella parte alta del listino. Pop Emilia ha chiuso in rialzo del 2,87%, Popolare Milano dell'1,45%, Banco Popolare dell'1,21%. Poco mossa Ubi (-0,08%). Unicredit è salita di circa mezzo punto percentuale, piatta Intesa SanPaolo. Nel settore energia, debole ENI,incurante delle indiscrezioni su un possibile spin off della divisione Gas and Power. E' andata meglio Saipem (+0,34%), aiutata anche dalla notizia che si è aggiudicata la commessa per il giacimento in Kashagan che prevede la costruzione di due condotte dal valore di 1,8 miliardi di dollari per sostituire quelle esistenti che hanno avuto diversi problemi. Un analista si attenda, tuttavia, una marginalità contenuta da questi contratti. Bene Finmeccanica (+1,49%). VENDITE SU TELECOM. Prosegue la lettera su Telecom, che oggi ha lasciato sul terreno un altro 2% circa dopo il -3,5% di ieri, sulla scia della discesa da parte di Findim sotto il 2% del capitale. Debole EI Towers (-1%) a seguito dell'ufficializzazione che Wind ha avviato trattative in esclusiva con Abertis. Gli analisti di Equita scrivono che "Ei Towers si potrebbe ora focalizzare sull'opportunità di Ei Towers-Rai Way". Il titolo della matricola di Piazza Affari è salito del 4,8%. Fra i minori balza Moleskine (+7,53%) dopo i risultati ieri relativi ai ricavi 2014 e la conferma dei target. Oggi Ubs ha alzato il prezzo obiettivo sul titolo a 1,60 euro da 1,5 euro.

Correlati

Potresti esserti perso