BUSINESS 11 Febbraio Feb 2015 0600 11 febbraio 2015

Sacra Sindone, turisti e affari d'oro nel 2015 per Torino

Torino centro della cultura. Per il sudario di Cristo attesi 2 milioni di pellegrini. Poi Salone del libro, papa e sponda con l'Expo: fatturato extra da 2 miliardi (foto).

  • ...

L'ostensione straordinaria della Sacra Sindone, il bicentenario della nascita di Don Bosco, la visita del papa in città, i 100 anni (ad Alba) della Società di San Paolo e, in mezzo a tanti eventi religiosi, l'abituale e laico Salone del libro.
Torino entra in questi giorni nel vivo di un 2015 che si annuncia straordinario in termini di afflusso di pellegrini e turisti (guarda le foto).
GIÀ 600 MILA PRENOTAZIONI. Due dati danno la misura dell'eccezionalità della stagione che si apre ora: sul sito ufficiale della Diocesi già 600 mila persone hanno prenotato per poter osservare da vicino il sudario che, secondo la tradizione, avvolse il corpo di Cristo dopo la crocifissione mentre i Salesiani stimano in circa 4 milioni i fedeli in arrivo per rendere omaggio a Giovanni Bosco, un santo amatissimo dai piemontesi e conosciuto in tutto il mondo cristiano.
BUSINESS DA OLTRE 2 MILIARDI. Difficile per ora, anche per le associazioni di commercianti e albergatori, valutare il possibile giro d'affari: ma le prime stime, caute e ufficiose, parlano di un fatturato complessivo di almeno 1 miliardo e mezzo di euro che potrebbe arrivare, anche grazie al vicino Expo di Milano, a superare i 2 miliardi.

La Sacra Sindone attrae 2 milioni di persone

Prelati pregano di fronte alla Sindone, all'interno del Duomo di Torino.

La Sacra Sindone riproduce, in maniera misteriosa, il corpo di un uomo torturato e ucciso esattamente come Cristo.
Che si tratti di una vera reliquia o di un falso medievale, il telo attrae e intriga comunque credenti e laici per la sua storia ricca di interrogativi e avventure.
IN CITTÀ ANCHE IL PAPA. Così la Diocesi torinese, in base ai dati delle precedenti ostensioni, si attende l'afflusso di circa 2 milioni di persone.
Per celebrare questo evento e l'anniversario di Don Bosco, papa Francesco (i cui nonni nacquero in Piemonte) ha deciso di essere a Torino il 21 giugno, mentre l'inizio dell'ostensione è fissato per il 19 aprile.
IMPEGNATI 4 MILIONI DI EURO. Due cifre danno la misura dell'evento: per i costi dell'ostensione la Diocesi ha impegnato 4 milioni di euro mentre sono almeno 30 mila i bus in città solo per la Sindone, senza contare gli altri appuntamenti.

Per Don Bosco mobilitati 3 mila volontari

L'ordine religioso fondato da don Giovanni Bosco vanta un immenso patrimonio.

Giovanni Bosco fu uno dei cosiddetti “santi sociali” perché, a metà del XIX secolo, aprì scuole, collegi, oratori e centri di formazione al lavoro dedicati ai bambini e ragazzi abbandonati o figli di famiglie poverissime.
PRESENTI IN 132 PAESI. Oggi i salesiani contano su un totale di circa 15 mila religiosi e, soprattutto, sono presenti in 132 Paesi del mondo.
Ciò spiega i grandi numeri indicati alla vigilia degli eventi, cominciati nelle scorse settimane con alcuni appuntamenti minori.
Per far fronte all'accoglienza di questa massa di persone di ogni lingua e nazione, i Salesiani hanno già mobilitato 3 mila volontari, mentre per la Sindone sono 4.500 le persone che hanno promesso alla Diocesi il proprio impegno.

Il Salone del libro viaggia oltre i 300 mila visitatori

Il cardinale Tarcisio Bertone al Salone del Libro di Torino.

A maggio ecco il Salone del libro, che nella sua ultima edizione ha sfiorato i 340 mila visitatori (più 3% sull'anno prima) ma che, soprattutto, ha registrato un incremento di vendite in loco del 12% rispetto al 2013.
MOSTRA DEL BEATO ANGELICO. Gli organizzatori attendono ora di vedere se la crescita sarà confermata, a dispetto della crisi, e sperano di poter incrementare ancora le presenze dalla concomitanza di eventi, come una mostra di opere del Beato Angelico, prevista in città tra gli appuntamenti a corredo dell'Ostensione.

Per attrarre i turisti dell'Expo di Milano stanziati 10 milioni

L'Expo di Milano prende il via ufficialmente il 1 maggio con la cerimonia d'inaugurazione.

Infine, la città conta di trarre beneficio anche dall'Expo di Milano.
Ai visitatori dell'evento sono proposti pacchetti per trascorrere qualche giorno in visità all'antica capitale sabauda.
L'amministrazione ci crede fortemente, tanto che il Comune ha stanziato 10 milioni di euro per l'organizzazione in città di mostre, convegni, concerti e spettacoli legati all'evento mondiale che si terrà a Milano.
PER L'EVENTO ARRIVANO IN 21 MILIONI. L'auspicio espresso dal sindaco Piero Fassino è quello di attrarre in città «il maggior numero» dei 21 milioni di visitatori attesi per l'Expo.
Se il colpo dovesse riuscire, il “sistema Torino” potrebbe tranquillamente ambire a portare il suo fatturato extra oltre i 2 miliardi di euro. O persino attorno ai 3.

Articoli Correlati

Potresti esserti perso