Economia 12 Febbraio Feb 2015 0957 12 febbraio 2015

Carige, perdite più che dimezzate a 543 mln

  • ...

I piccoli azionisti Carige ha registrato nel 2014 perdite per 543 milioni di euro, rispetto al rosso di 1.762 milioni un anno prima. Lo annuncia l'istituto in una nota in cui anticipa che a marzo con il cda di bilancio varerà il nuovo piano al 2019 in cui si prevede tra l'altro la cessione della società di credito al consumo Creditis, con l'avvio di una trattativa in esclusiva con Apollo. Viene ufficializzato poi che le garanzie delle banche per l'aumento di capitale da offrire in opzione sono salite a 700 milioni di euro. Al netto delle componenti non ricorrenti rilevate nell'anno, spiega Carige, il risultato netto di pertinenza della capogruppo sarebbe stato negativo per 253,6 milioni, incluso il recepimento dell'esito degli esami Bce (Aqr). PIANO INDUSTRIALE 2015-2019. Quanto al piano industriale 2015-2019, oltre a Creditis e al già previsto aumento di capitale, conterrà anche la cessione di Banca Cesare Ponti per cui sono state selezionate quattro controparti, per accedere alla seconda fase del processo di dismissione, e il closing della cessione delle compagnie assicurative con Apollo per 310 milioni. Tornando ai conti 2014, il risultato risente di componenti non ricorrenti, per 218,7 milioni - tra le altre - sono relative a minusvalenze delle compagnie assicurative. Il risparmio raccolto dalla banca è stato pari a 47,3 miliardi (+4,1% annuo). Il margine d'interesse scende del 17,9% a 353,6 milioni, per la flessione dei volumi intermediati. Le commissioni nette scendono del 5,7% a 245,2 milioni. Il conto economico, segnala infine la banca, ha registrato rettifiche di valore su crediti per cassa verso la clientela per 646,9 milioni (1.039,9 milioni nel 2013).

Correlati

Potresti esserti perso