Euro Versamenti Contanti 150217150648
TRACCIABILITÀ 17 Febbraio Feb 2015 1445 17 febbraio 2015

Fisco, ipotesi di tassa sui versamenti di contanti sopra 200 euro: il governo nega

Smentito il giro di vite dell'esecutivo contro il cash. Parte lo scontrino elettronico.

  • ...

Del decreto sulla delega fiscale sono previste misure sui versamenti in banca, scontrino digitale e fattura elettronica.

Il governo ha già smentito, attraverso fonti del ministero del Tesoro. Per alcuni, tuttavia, l'esecutivo sarebbe pronto a dichiarare guerra al contante e varare nuovi strumenti per incoraggiare la tracciabilità dei pagamenti.
Per questo sarebbero in agenda misure sui versamenti in banca, scontrino digitale e fattura elettronica.
Una modo per facilitare la vita a commercianti, artigiani e professionisti, ma allo stesso tempo per stanare i furbetti di scontrini e ricevute.
In particolare, secondo quanto anticipato dal Sole 24 Ore, sarebbe pronta l'introduzione di un'imposta di bollo proporzionale ai versamenti giornalieri superiori ai 200 euro.
PER LE BANCHE PIÙ UTILI SUGLI ACCREDITI E MENO COSTI DI GESTIONE. Un regalo alle banche, che vedrebbero crescere gli utili sulle operazioni di accredito elettronico e allo stesso tempo ridursi i costi di gestione del contante, stimati negli ultimi anni quasi pari ai 5 miliardi
Il primo passo previsto sarebbe quello di rendere obbligatorio dal 2017 per commercianti, artigiani e professionisti la memorizzazione e la trasmissione telematica al fisco di tutti i corrispettivi giornalieri per dire addio allo scontrino di carta. L'obbligo riguarderà anche la grande distribuzione e tutti i soggetti che oggi sono sul mercato con i distributori automatici.

Articoli Correlati

Potresti esserti perso