Economia 18 Febbraio Feb 2015 1731 18 febbraio 2015

Piazza Affari chiude in rialzo: +1,85%

  • ...

Piazza Affari.5 Piazza Affari rafforza nel finale l'intonazione positiva, chiudendo sui massimi di seduta, in una giornata che ha visto prevalere sui mercati europei l'ottimismo su un accordo per sbloccare l'impasse della crisi greca. L'indice FTSE Mib chiude in rialzo dell'1,85% e l'Allshare dell'1,61% a fronte di un +0,7% circa del benchmark europeo FTSEurofirst 300, che comunque ha toccato i livelli più alti da inizio 2008.  Volumi nel finale intorno a 3,4 miliardi di euro. La borsa milanese è la migliore tra le piazze europee beneficiando delle buone performance di Eni e dei bancari, che hanno un forte peso nell'indice. Più prudente invece Wall Street, che dopo i nuovi massimi raggiunti ieri dall'indice S&P 500 oggi attende la pubblicazione dei verbali della Fed. BENE GLI ENERGETICI. Eni guadagna il 3,4% dopo una trimestrale che ha fatto vedere un utile sotto il consensus ma che ha sorpreso positivamente il mercato per le performance operative, la produzione solida, il cash flow e il dividendo, secondo gli operatori.  Sulla sua scia anche Saipem (+3,4%) che prosegue i guadagni della vigilia trovando oggi ulteriore spinta dai risultati delle concorrente francese Technip. Il settore dei petroliferi è positivo in tutta Europa con l'indice settoriale in rialzo dell'1,4%. CORRONO I BANCARI. Seduta sugli scudi anche per i bancari, soprattutto le popolari sulle crescenti scommesse del mercato per un consolidamento che sembra già avviato in vista della trasformazione in Spa richiesta dal decreto del governo. Particolarmente gettonate Pop Milano (+4,7%), Pop Emilia (+3,5%) e Banco Popolare(+3,8%), secondo le indiscrezioni tra le più attive nel prossimo risiko bancario. Balza MPS che sale del 4,8%. Intesa Sanpaolo, inserita oggi nella Europe1 List di BofA Merrill, guadagna l'1,7% all'interno di un settore europeo tonico che festeggia anche i positivi risultati del gruppo francese Credit Agricole.  Sempre nel comparto finanziario la più piccola Banca Intermobiliare perde oltre il 2%, risentendo dell'esposizione nei confronti di Ciccolella dichiarata fallita lo scorso 10 febbraio. GUADAGNA MEDIASET + 3,6%. Nell'indice principale segno decisamente positivo per Mediaset, che avanza del 3,6%. Dalle comunicazioni Consob è emerso che Fidelity ha in portafoglio il 3,5% del gruppo editoriale dallo scorso 13 febbraio.  Restando nel settore media Rcs chiude in rialzo del 2,7% dopo la notizia, riferita da fonti a Reuters, che le trattative sulla possibile acquisizione della controllata Libri da parte di Mondadori (+0,7%) procedono spedite e un eventuale accordo potrebbe essere trovato nella forchetta tra i 120 e i 150 milioni di euro. Prima della notizia il titolo Rcs era poco sopra la parità, mentre Mondadori saliva di oltre il 2%.

Correlati

Potresti esserti perso