Economia 23 Febbraio Feb 2015 1245 23 febbraio 2015

Apple investe 1,7 mld in Europa

  • ...

Gm Building e lo store Apple a New York Apple annuncia un piano da 1,7 miliardi di euro per la costruzione e la messa in funzione di due data center in Europa, entrambi interamente alimentati da energie rinnovabili. Gli impianti, situati nella contea di Galway, in Irlanda, e nella regione dello Jutland centrale, in Danimarca, forniranno energia ai servizi online di Apple, inclusi iTunes Store e App Store, per i clienti europei. Secondo i piani, entreranno in funzione nel 2017 e saranno ciascuno di 166.000 metri quadrati. ENERGIA PULITA AL 100%. I nuovi impianti, si legge in una nota della compagnia di Cupertino, useranno da subito il 100% di energia da fonti rinnovabili. Apple collaborerà inoltre con partner locali per sviluppare ulteriori progetti legati alle rinnovabili, per sfruttare l'energia eolica e altre fonti per fornire energia in futuro. Le strutture avranno - si evidenzia - il più basso impatto ambientale di tutti i Data Center Apple. «Siamo grati per il costante successo di Apple in Europa e siamo orgogliosi che il nostro investimento sostenga le comunità in tutto il continente», ha detto Tim Cook, Ceo di Apple, a Bruxelles per incontrare il vicepresidente per il mercato unico digitale Andrus Ansip. «Questo nuovo e significativo investimento rappresenta ad oggi il progetto più importante di Apple in Europa. Siamo lieti di espandere le nostre attività, creando occupazione locale con centinaia di posti di lavoro e introducendo alcuni dei nostri progetti più evoluti in termini di edifici green». I DETTAGLI DEL PIANO. Entrando nei dettagli del piano, per il progetto in Athenry, in Irlanda, Apple recupererà un terreno precedentemente usato per la coltivazione di specie arboree alloctone e reintrodurrà specie arboree autoctone nella foresta di Derrydonnell. Il progetto prevede inoltre l'introduzione di un'area didattica all'aperto per le scuole locali. A Viborg, in Danimarca, Apple eliminerà la necessità di generatori aggiuntivi posizionando il data center accanto a una delle più grandi sottostazioni elettriche della Danimarca. L'impianto è inoltre progettato per catturare il calore in eccesso prodotto dalle apparecchiature al suo interno e condurlo nel sistema di riscaldamento del distretto per contribuire a riscaldare le abitazioni della vicina comunità.

Articoli Correlati

Potresti esserti perso