Borsa Spread Piazza 121126092455
MERCATI 13 Marzo Mar 2015 0901 13 marzo 2015

Borsa, Piazza Affari e spread live del 13 marzo 2015

Milano chiude in calo dello 0,42%. Differenziale Btp-Bund stabile a 88 punti. Euro sotto 1,05 dollari.

  • ...

Un operatore di borsa.

Seduta cauta per Piazza Affari e le altre Borse europee il 13 marzo: il Ftse Mib ha ceduto lo 0,03% a ridosso dell'ora di pranzo, scendendo dopo un avvio in rialzo dello 0,41% a 22.902 punti. Milano ha chiuso in calo dello 0,42% con l'indice Ftse Mib a 22.713 punti. Wall Street accentua le perdite col Dow Jones che scivola dell'1,12% e il Nasdaq dello 0,76%.
SPREAD STABILE. Dopo essere sceso ai minimi da settembre 2008, lo spread tra Btp e Bund è stabile a 88,6 punti con un rendimento all'1,12%.
BORSE ASIATICHE POSITIVE. Seduta positiva per le Borse asiatiche che hanno riassorbito gran parte dei ribassi della settimana. Tokyo è salita dell'1,39%, a nuovi massimi da 15 anni, Hong Kong ha guadagnato lo 0,22%, Shanghai lo 0,70% e Seul lo 0,77% mentre Sydney ha ceduto lo 0,61%.

17.49 - EURO SCENDE SOTTO 1,05 DOLLARI. Mai così in basso da 12 anni: l'euro è sceso sotto la soglia di 1,05 dollari, toccando quota 1,0482 sul biglietto verde per poi risalire a 1,053. Non accadeva dall'aprile 2003.

17.39 - WALL STREET ACCENTUA LE PERDITE. Wall Street accentua le perdite col Dow Jones che scivola dell'1,12% e il Nasdaq dello 0,76%. Male anche l'indice S&P500 che cede lo 0,86%.

17.34 - MILANO CHIUDE IN CALO. La Borsa di Milano chiude in calo dello 0,42% con l'indice Ftse Mib a 22.713 punti.

15.54 - TITOLO ENI CONGELATO, POI RIENTRA AGLI SCAMBI. Saipem è stata fermata dagli scambi in Borsa per l'eccessiva volatilità con un calo teorico del 4,58%. Eni è rientrata alle contrattazioni, dopo esser stata brevemente congelata per l'eccessiva volatilità, e cede ora il 4,84%, penalizzata dal taglio del dividendo e dallo stop al buyback.

15.08 - WALL STREET APRE IN CALO. Apertura in calo per Wall Street, col Dow Jones che perde lo 0,60% e il Nasdaq lo 0,15%. Male anche l'indice S&P500 che cede lo 0,45%.

12.59 - MILANO POCO MOSSA. Piazza Affari poco mossa a metà seduta con le altre Borse europee, in una settimana che ha visto i listini su nuovi massimi grazie alla spinta del mini-euro e al calo dei rendimenti dei bond sovrani. Il Ftse Mib ha ceduto lo 0,03% appesantito da Tod's (-5,03%), Mps (-2,31%) ed Egp (-2,03%). Bene A2A (+2,56%), spinta da un report di Equita, con Yoox (+2,92%), acquisti anche su Mediaset (+1,66%) e Fca (+1,41%), che ha sfondato quota 15 euro. Debole Eni (-0,49%) in attesa del piano industriale.

12.54 - CDP: ESAURITO IN ANTICIPO IL BOND. Cdp ha fatto il tutto esaurito per il primo bond dedicato ai risparmiatori e ha chiuso con largo anticipo il collocamento aumentandone l'importo da 1 a 1,5 miliardi di euro. È quanto hanno fatto sapere da Via Goito secondo cui già nei primissimi giorni del collocamento, previsto dal 9 al 27 marzo, sono state registrate forti richieste. Il bond settennale prevede per i primi due anni un tasso fisso lordo dell' 1,75% annuo e per i successivi cinque anni un tasso variabile lordo pari a Euribor 3 mesi più uno spread minimo dello 0,50%.

9.58 - EUROPA CAUTA, MILANO +0,17%. Avvio in cauto rialzo per le borse europee, con l'indice Dj Stoxx 600 che punta a chiudere con un saldo positivo una settimana segnata dalla caduta dell'euro e dei rendimenti dei titoli di stato, in scia alla partenza del quantitative easing della Bce. Il rialzo dei titoli industriali, spinti dalla svalutazione dell'euro, compensa il calo degli energetici, frenati dal petrolio. Positive Milano (+0,17%), Francoforte (+0,13%) e Madrid (+0,29%) mentre Parigi e Londra oscillano attorno parità.

Correlati

Potresti esserti perso