Economia 13 Marzo Mar 2015 1034 13 marzo 2015

Spread in calo, risparmi per 4 mld

  • ...

Lo Spread, il differenziale tra i btp a 10 anni e i bund tedeschi, è ai minimi da circa 7 anni. Spread ai minimi da circa 7 anni, tassi più bassi sui titoli di Stato e dunque spese più basse per pagare gli interessi sul debito pubblico, che da tempo ha sfondato la soglia dei 2 mila miliardi di euro. Il quantitative easing messo a punto dal presidente della Bce, Mario Draghi, può quindi permettere al governo di risparmiare miliardi nei prossimi anni. Intesa San Paolo spiega che da inizio anno, il rendimento medio a cui sono stati collocati i Btp nominali è stato pari all' 1,26% rispetto al 2,15% delle aste del 2014. Se questo livello dei rendimenti venisse mantenuto nel corso dell'anno, "l'Italia potrebbe realizzare un risparmio sulla spesa per interessi pari a circa 4 miliardi di euro". MORANDO: NON PARLIAMO DI TESORETTO. Il viceministro dell'Economia, Enrico Morando, però mette in guardia coloro che già parlano di un 'tesoretto' nelle casse dello Stato. "Ricordo a tutti quelli che stanno calcolando questi effetti che per il prossimo anno abbiamo da sterilizzare clausole di salvaguardia per un punto di Pil, e l'unica cosa che è indispensabile è non mettersi a parlare di tesoretti", spiega. E' chiaro comunque che "un certo effetto favorevole dalla riduzione dei tassi di interesse, se riusciremo a stabilizzarci su questi livelli, nel tempo inizierà a dispiegarsi", dice. Secondo le stime di Credit Suisse, il risparmio medio derivante dalla minor spesa per interessi si aggira intorno allo 0,6% del Pil nel 2015, all'1,2% nel 2016 e all'1,8% nel 2017. Il crollo dei rendimenti dei titoli di Stato permetterà di rivedere le previsioni che il governo si appresta a indicare con il Def (il documento di economia e finanza), già in prima fase di elaborazione: le stime ancora non sono state messe a punto ma è possibile che il nuovo corso dello spread possa portare un margine di manovra dell'ordine almeno di 1 miliardo, 1 miliardo e mezzo. Si tratterà comunque di nuove stime molto "prudenziali" - secondo quanto emerso nei giorni scorsi da chi lavora al dossier - anche perché le previsioni vanno fatte sulla media dell'anno, e non è detto che i rendimenti continueranno a viaggiare sui minimi di questa settimana.

Correlati

Potresti esserti perso