Tsipras 150127190703
FUTURO IN BILICO 17 Marzo Mar 2015 1800 17 marzo 2015

Grecia, appello del governo all'Ue sul Financial Times

Editoriale di tre ministri: «Atene è come Sisifo, dateci una chance. Non chiediamo un trattamento speciale».

  • ...

Stathakis, ministro dello Sviluppo, Dragasakis, vicepremier e Veroufakis, ministro delle Finanze.

Un appello all'Unione europea sul Financial Times. Firmato dal governo di Alexis Tispras.
«Tutto quello che chiediamo è: date una possibilità alla Grecia»: comincia così l'editoriale dei vertici economici dell'esecutivo ellenico sul quotidiano economico, secondo cui «il Paese è in una posizione come quella di Sisifo, un uomo condannato a trascinare macigno in cima a una collina solo per vederlo rotolare ogni volta».
TRA AUTORI VAROUFAKIS. A scrivere è Yannis Dragasakis, vicepremier ellenico, coautori il ministro delle Finanze Yanis Varoufakis e quello per gli Affari economici internazionali Euclid Tsakalotos.
«È opinione comune che il governo greco ha un trattamento speciale rispetto ad altri Paesi in difficoltà», è l'incipit dell'editoriale.
«Non è così. Chiediamo un pari trattamento».
AGGIUSTAMENTO BILANCIO GRAVOSO. I tre esponenti dell'esecutivo ricordano che l'aggiustamento di bilancio greco è stato più gravoso che altrove: con tagli di spesa e aggravi fiscali per il 45% del reddito disponibile delle famiglie, contro il 20% del Portogallo e il 15% di Italia e Irlanda.
«Ondate successive di austerity», scrivono i tre, «hanno esacerbato la contrazione del Pil rendendo il debito ingestibile: la Grecia prende in prestito sempre di più per pagare debiti precedenti».
CITATO VECCHIO SMP. L'editoriale ha citato anche il vecchio programma 'Smp' di acquisto dei titoli pubblici da parte della Bce, che «ha anche eliminato il debito greco che avevano le banche dei Paesi principali dell'Eurozona. Le banche greche, tuttavia, continuano ad avere forti somme di quel debito e il costo di ristrutturazione è stato pagato dai contribuenti greci».
E ce ne è anche per la Germania, visto che, scrivono i tre, nell'unione monetaria realizzata con l'euro, «il peso dell'aggiustamento (degli squilibri macroeconomici) è sui Paesi in deficit» mentre i surplus esterni sono invariati.

Articoli Correlati

Potresti esserti perso