Maurizio Landini Leader 150313205558
SINDACATI 17 Marzo Mar 2015 1118 17 marzo 2015

Landini: «Utile che Cgil si attivi per la coalizione sociale»

Il leader Fiom dopo l'incontro con Camusso: «Non ho interessi personali». La replica: «Basta ambiguità politiche».

  • ...

Maurizio Landini, leader della Fiom.

Dopo il botta e risposta del 16 marzo nuovo capitolo nel dibattito tra Maurizio Landini e Susanna Camusso, incentrato sul ruolo della Cgil nella nuova formazione lanciata dal leader Fiom, coalizione sociale.
«Pensiamo sarebbe utile che la Cgil insieme alla Fiom si attivasse per costruire una coalizione sociale, a partire dall'interesse e dalla disponibilità espressa dai partecipanti alla discussione di inizio marzo», ha scritto in una nota la segreteria Fiom in dopo l'incontro tra Landini e la Camusso
LANDINI: «NESSUN INTERESSE PERSONALE». Il leader Fiom ha parlato di «una battaglia per la difesa dei diritti alla luce del sole. Non ho interessi personali».
Secondo il sindacalista la coalizione sociale non è una formazione politica che non vuole presentarsi alle elezioni.
Landini ha smentito anche l'interesse a subentrare alla Camusso alla guida della Cgil: «Non sono un ragazzo molto ambizioso, farò quello che il sindacato mi dirà di fare».
CGIL: «BASTA AMBIGUITÀ POLITICA». Subito è arrivata la replica.
La Cgil ha chiesto al segretario generale della Fiom di «cancellare qualsiasi ambiguità» sul rapporto con la politica della sua coalizione sociale.
«Il bisogno di politica che ha Landini», ha detto il numero uno Cgil Camusso, «non può stravolgere la natura della Cgil. Se il segretario Fiom dice che non ha intenzione di costruire una formazione politica rinnoviamo la richiesta di una nota congiunta che ponga fine al dibattito che si è creato».
FIOM CONTRARIA A FORMAZIONI POLITICHE. Del resto proprio la La Fiom nella nota si è definita «contraria a che qualsiasi struttura della nostra organizzazione, tanto meno la confederazione, promuova formazioni politiche o sostenga questa o quella componente politica o di partito».
Il sindacato dei metalmeccanici ha sottolineato come la coalizione sociale non è in alternativa ad un processo di unità con Cisl e Uil e non prevede la presenza delle forze politiche ma «non intende escludere nessuno».

Articoli Correlati

Potresti esserti perso