Economia 18 Marzo Mar 2015 1257 18 marzo 2015

Draghi: «Dobbiamo ascoltare i cittadini»

  • ...

Mario Draghi Botta e risposta a Francoforte. Mentre davanti alla sede della Banca centrale europea 10mila manifestanti protestano contro la crisi economica, Mario Draghi non resta indifferente alla folla. Il numero uno dell'istitutzione all'interno della torre ha spiegato che  le accuse alla Bce potrebbero essere «ingiuste visto che sta cercando «esattamente di assorbire gli shock sofferti dall'economia», ma «come banca centrale dell'intera Eurozona, dobbiamo ascoltare molto attentamente ciò che tutti i cittadini ci dicono». «CAPISCO RICHIESTA DI CAMBIAMENTO». «Capisco cosa motiva queste opinioni, perché la gente chiede un cambiamento», ha aggiunto Draghi riferendosi alle proteste di chi chiede più Europa e quelle dei «partiti populisti» che ne vogliono meno e rivendicano sovranità nazionale. Il numero uno di Francoforte ha spiegato che «la risposta alle difficoltà europee non è disfare l'integrazione, ma al contrario fare progressi nelle aree incomplete, vale a dire nella convergenza economica e istituzionale». «EFFICIENZA ECONOMICA CON EQUITÀ». La ricerca dell'efficienza economica va accompagnata con «politiche d'integrazione, equità». Secondo Draghi «la soluzione può riassumersi in una parola: competenze, attraverso uno stimolo della formazione».

Articoli Correlati

Potresti esserti perso