Pier Carlo Padoan 150307113634
REPLICA 19 Marzo Mar 2015 2005 19 marzo 2015

Mef a Bce: «Eurogruppo non chiese misure aggiuntive»

Risposta al bollettino di Francoforte: «Parziale che correzione del deficit dipenda da interessi».

  • ...

Pier Carlo Padoan.

Il Ministro dell'Economia e delle Finanze ha replicato al bollettino Bce critico sul risanamento italiano.
In primis ha messo in luce come a dicembre, l'Eurogruppo «non chiedeva misure aggiuntive».
Secondo il Mef la Commissione chiedeva 'effective measures' e non misure aggiuntive, «cioè una adeguata attuazione delle misure che avrebbero prodotto - secondo la stima italiana - una correzione di 0,3 punti».
«DISCUSSIONE DI RIFORME». Secondo il Mef «la Commissione -riteneva che senza una adeguata attuazione la correzione sarebbe stata inferiore alla stima italiana, limitandosi a 0,1 punti».
Ma nel documento «la Commissione ha riconosciuto che le misure messe in campo erano adeguate a produrre la correzione di bilancio stimata dall'Italia e ha quindi rivisto i propri giudizi di finanza pubblica, portando da 0,1 a 0,3% la stima di sforzo strutturale prodotta dalla Legge di Stabilità 2015, un valore in regola con i requisiti fissati dalla Commissione stessa nella Comunicazione sulla flessibilità».
«PARZIALE CHE CORREZIONE DIPENDA DA INTERESSI». Secondo il Mef l'opinione riportata dalla Bce secondo cui «la correzione strutturale (del deficit italiano) sarebbe un mero effetto del calo dei pagamenti di interessi è quanto meno parziale».

Correlati

Potresti esserti perso