Economia 24 Marzo Mar 2015 1154 24 marzo 2015

Banche, spese legali alle stelle

  • ...

Banche La crisi finanziaria è finita da tempo e le grandi banche, americane e straniere, sono tornate a crescere. Le autorità americane non sembrano però disposte a chiudere definitivamente il capitolo e proseguono con le indagini su presunte irregolarità dell’epoca. L’ultima indagine aperta, come hanno riferito le fonti del Financial Times, è quella del dipartimento Servizi finanziari dello Stato di New York a carico di Deutsche Bank, apparentemente coinvolta nello scandalo per manipolazioni del Libor, il tasso di riferimento dei prestiti interbancari. L’inchiesta è ancora alle fasi preliminari, quindi è troppo presto per parlare di possibili multe, che farebbero lievitare un conto già elevatissimo per quanto riguarda le spese legali dei colossi finanziari.

Bank of America SPESE LEGALI: IN DUE ANNI PAGATI 36,5 MILIARDI   Negli ultimi due anni alcuni dei colossi bancari americani hanno sborsato cifre astronomiche per patteggiare accuse di vario genere. Per la precisione 36,5 miliardi di dollari tra il 2013 e il 2014, di cui la cifra record di 16,5 miliardi pagata da Bank of America per mettere la parola fine a procedimenti legali legati a presunte violazioni su titoli legati a mutui venduti durante la crisi. Solo nel quarto trimestre del 2014, stando ai dati della Federal Deposit Insurance Corporation, l’agenzia americana che garantisce i depositi bancari, le spese legali sono complessivamente salite di 4,4 miliardi, pesando sui profitti del settore. La tendenza sembra destinata a proseguire anche quest’anno.

Bank of New York Mellon 700 MILIONI PER BANK OF NEW YORK MELLON Il caso più recente, finito sui giornali americani il 19 marzo, è quello di Bank of New York Mellon, che verserà circa 700 milioni di dollari per patteggiare nell’ambito della causa che la vede accusata di avere truffato fondi pensioni e altri clienti, facendo loro pagare commissioni eccessive su transazioni legate alle valute. Nell’ambito dell'accordo vari manager lasceranno la banca. Il patteggiamento metterà la parola fine alla causa intentata nel 2011 dal procuratore di New York Preet Bharara e dal suo collega dello stato di New York Eric Schneiderman. L’istituto finanziario newyorkese, che ha sempre negato di avere commesso le violazioni contestate, a febbraio aveva fatto sapere che avrebbe rivisto i risultati del quarto trimestre, includendo spese legali per 598 milioni di dollari proprio in vista dell’intesa.

Morgan Stanley MORGAN STANLEY SBORSERÀ 2,6 MILIARDI A fine febbraio Morgan Stanley ha acconsentito a pagare 2,6 miliardi di dollari per chiudere le accuse del dipartimento della Giustizia americano su violazioni sulla vendita di bond collegati ai mutui prima della crisi finanziaria del 2008. Per la Giustizia americana Morgan Stanley avrebbe ingannato gli investitori mentendo sulla qualità dei prestiti per la casa legati a obbligazioni e prodotti finanziari più complessi. In vista dell’accordo la banca aveva aumentato gli accantonamenti per coprire spese legali di circa 2,8 miliardi di dollari. L’aumento delle riserve peserà sull’utile generato dalle attività in essere per 2,7 miliardi, 1,35 dollari per azione, più di un terzo dell'utile netto 2014.

JP Morgan headquarters in New York QUARTO TRIMESTRE PESANTE IN TERMINI DI COSTI Del resto l’anno scorso non si era chiuso nel migliore dei modi. Nel quarto trimestre JPMorgan Chase, maggiore banca americana per asset, ha visto calare i profitti (-6,6%) e il fatturato a causa degli alti costi legali: 990 milioni di dollari, 1,1 miliardi al lordo delle tasse, una cifra più alta rispetto alle previsioni degli analisti e anche rispetto agli 800 milioni dello stesso periodo dell’anno precedente. Nello stesso periodo Morgan Stanley ha messo a bilancio spese legali per 284 milioni di dollari, 12 centesimi per azione, mentre Citigroup ha visto calare i profitti dell’86%, schiacciati da costi legali per 3,5 miliardi di dollari, superiori ai 2,46 miliardi dello stesso periodo dell’anno precedente. Per Bank of America le spese legali sono state una costante per larga parte del 2014, ma la banca è riuscita a chiudere l’anno su una nota più positiva: i costi legali sono stati pari a 393 milioni di dollari nel quarto trimestre, in calo dai 2,3 miliardi dell’anno precedente.

Articoli Correlati

Potresti esserti perso