Economia 1 Aprile Apr 2015 1016 01 aprile 2015

Boeri: problema di equità da affrontare

  • ...

Tito Boeri Per il presidente dell'Inps, Tito Boeri, ci sono «pensioni molto alte che non sono giustificate dai contributi che hanno versato durante l'intero arco della vita lavorativa», c'è un «problema di equità che andrebbe affrontato». PROPOSTE ENTRO GIUGNO. Nel pomeriggio una visita di quasi due ore a Palazzo Chigi, poi Boeri ha registrato una intervista per Ballarò spiegando che «entro giugno» farà delle «proposte articolate» al governo. «La filosofia di fondo è quella dell'equità, noi faremo queste proposte per equità non per fare cassa», ha sottolineato, indicando poi che uno «dei problemi più seri» è quello «della generazione tra i 55 e i 65 anni che si sono trovati con queste riforme in po' spiazzati». «CONTRASTARE LA POVERTÀ». «Si può chiedere a queste persone di poter dare qualcosa per contrastare la povertà soprattutto nella fascia 55/65 anni. Vogliamo per queste generazioni trovare un modo per contrastare la povertà e dare la possibilità di andare in pensione prima in modo sostenibile, quindi avendo una pensione più bassa», propone Boeri. GOVERNO CONTRO GLI INTERVENTI. Esclude invece interventi sulle pensioni Yoram Gutgeld, consigliere del governo Renzi impegnato sul fronte della spending review: «Abbiamo affrontato questo discorso già l'anno scorso e la decisione politica è stata di non toccarle. Le pensioni alte sono già in qualche modo tassate e quindi c'è già un intervento di equità. Andare più in giù significherebbe entrare sui livelli di pensioni medie, tipo da 90 mila euro, e si è deciso politicamente di non farlo». DA MAGGIO LE «BUSTE ARANCIONI». Intanto Boeri conferma il prossimo debutto, da maggio, delle «buste arancioni», attese da anni: simulazioni sulla pensione futura per dare «la possibilità ai lavoratori italiani di poter sapere quali saranno le loro pensioni future. Di poter valutare quali sono le implicazioni di scegliere diverse date di pensionamento, di cambiare le loro retribuzioni e i loro contributi e quanto questo avrà effetti sulla loro pensione». SI PARTE DAI PIÙ GIOVANI. Si partirà dai «più giovani» per poi «man mano» allargare la platea, per arrivare ad informare a fine anno 18 milioni di persone. «È un'operazione molto importante», dice Boeri, «perché va incontro ad un'esigenza di informazione profonda che c'è nel nostro Paese e che i governi che si sono succeduti in questi anni non hanno mai voluto fornire ai cittadini forse perchè temevano di avere delle ricadute negative dando queste informazioni».

Correlati

Potresti esserti perso