Consob 131018130112
AZIENDE 2 Aprile Apr 2015 0935 02 aprile 2015

Rai Way-Ei Towers, Consob: preavviso di rigetto Opas

La Commissione potrebbe negare la pubblicazione del prospetto informativo.

  • ...

La Consob è la Commissione nazionale per le società e la Borsa.

La Consob stoppa Ei Towers. Mercoledì 1 aprile, la Commissione nazionale per le società e la Borsa ha inviato quello che tecnicamente viene definito un «preavviso di rigetto», ai sensi dell'articolo 10 bis del Tuf.
In assenza delle comunicazioni richieste, la Consob, che ha contestato a Ei Towers la fattibilità del progetto di «operatore unico» prospettato dalla Società con l'annuncio dell'offerta pubblica di acquisto e di scambio su Rai Way, potrebbe negare l'autorizzazione a pubblicare il prospetto informativo.
STOP DELLA CONSOB. In questo caso si verificherebbe un fatto senza precedenti nella storia delle offerte pubbliche in Italia.
In particolare, secondo la Consob, «la manifestazione espressa dall'attuale socio di controllo Rai» con il comunicato del 31 marzo di «non aderire e, comunque, della ritenuta necessità di mantenere una partecipazione del 51% del capitale di Rai Way, rende allo stato non realizzabile la condizione del raggiungimento della soglia minima del 66,7% cui l'offerente ha - tra l'altro - subordinato l'efficacia dell'offerta cui si riferisce l'istanza di approvazione del documento».
PROGETTO NON REALIZZABILE. Sempre secondo la Commissione nazionale per le società e la Borsa, «tale non realizzabilità riguarderebbe altresì qualsiasi condizione che abbia a oggetto il raggiungimento di una partecipazione di controllo». Proprio per questo, per la Consob, «la non realizzabilità della predetta 'condizione', cui è legato l'intero progetto imprenditoriale posto alla base dell'operazione straordinaria - a fronte della non manifestata volontà, a oggi, da parte dell'offerente, di eliminarla e/o modificarla - costituisce motivo ostativo all'accoglimento dell'istanza di approvazione del documento d'offerta».

Articoli Correlati

Potresti esserti perso