Economia 20 Aprile Apr 2015 1231 20 aprile 2015

Cig, -43% rispetto a marzo 2014

  • ...

Inps L'Inps ha autorizzato a marzo nel complesso 61,6 milioni di ore di cassa integrazione con un calo del 43,8% su marzo 2014 e del 5,9% su febbraio 2015. Lo fa sapere l'Istituto. Il calo tendenziale risente della diminuzione di tutti i tipi di cassa ma soprattutto del crollo della deroga a causa della carenza di stanziamenti (-91,2%). Nei primi tre mesi dell'anno sono stati autorizzati 170,3 milioni di ore di cassa nel complesso con un calo del 42,23% rispetto ai primi tre mesi del 2014. Per la cassa in deroga il calo tendenziale sul primo trimestre è stato dell'82% mentre per la cassa ordinaria il calo tendenziale nei tre mesi è stato del 28,7%. Per la cassa straordinaria si è registrato un calo del 31,5%. A marzo le ore autorizzate di cassa integrazione ordinaria (CIGO) sono state 22,6 milioni a fronte dei 27,4 milioni di marzo 2014 (-17,6%). In particolare, la flessione è stata del 15,2% nell'industria e del 23,5% nell'edilizia. Rispetto a febbraio la cig ordinaria è aumentata dell'11,1%. Il numero di ore di cassa integrazione straordinaria (CIGS) autorizzate a marzo 2015 è stato di 36,5 milioni (-31,4% tendenziale). Rispetto a febbraio si registra un calo dell'8%. Per gli interventi in deroga (CIGD) - che come noto risentono dei fermi amministrativi per carenza di stanziamenti - le ore autorizzate a marzo 2015 sono state pari a 2,6 milioni, con un calo del 91,2%, rispetto ai 29,1 milioni di ore autorizzate a marzo 2014. Rispetto a febbraio le ore di cig in deroga sono diminuite del 49,1%. DOMANDE DI DISOCCUPAZIONE A FEBBRAIO -17,4% Calo delle domande di disoccupazione arrivate all'Inps a febbraio: nel mese, secondo quanto si legge nei dati diffusi dall'Istituto, sono arrivate nel complesso 119.519 domande di disoccupazione con un calo del 17,1% sulle 144.231 del febbraio 2014. A gennaio le domande erano state oltre 201.000 e quindi il calo congiunturale è stato del 40,7%. L'Inps ricorda che dal 1° gennaio 2013 sono entrate in vigore le nuove prestazioni ASpI e mini ASpI e che quindi le domande che si riferiscono a licenziamenti avvenuti entro il 31 dicembre 2012 continuano ad essere classificate come disoccupazione ordinaria mentre, per quelli avvenuti dal 1° gennaio 2013, le domande sono classificate come ASpI e mini ASpI. A febbraio 2015 sono state presentate 86.849 domande di ASpI, 27.834 domande di mini ASpI, 300 domande tra disoccupazione ordinaria e speciale edile e 4.536 domande di mobilità, per un totale di 119.519 domande, il -17,1% rispetto alle 144.231 del mese di febbraio 2014 (-40,7% su gennaio 2015). Nei primi due mesi dell'anno sono state presentate oltre 321.000 domande di disoccupazione con un calo del 16,7% rispetto alle oltre 385.000 dei primi due mesi del 2014.

Correlati

Potresti esserti perso