Economia 20 Aprile Apr 2015 1016 20 aprile 2015

Deutsche Bank prepara lo spinoff di Postbank

  • ...

Deutsche Bank Deutsche Bank potrebbe dover fare i conti con uno sciopero a oltranza dei dipendenti della divisione Postbank, mentre crescono le voci sulla volontà della banca tedesca di cedere la controllata dei servizi postali. Dopo le indiscrezioni dei giorni scorsi, oggi il Financial Times indica che il Cda di Deutsche Bank ha ridotto a due le opzioni per migliorare i ricavi, ed entrambe prevedono la dismissione di Postbank, che conta circa 1.100 uffici. Il sindacato Verdi ha votato a favore di uno sciopero a oltranza, con il 94,8% dei sì. Secondo fonti citate da Bloomberg, il Cda starebbe ancora esaminando una terza opzione di maggiori tagli alle divisioni di investment banking e di servizi bancari al dettaglio, ma sarebbe l'ipotesi meno favorita dalla maggioranza dei consiglieri. POSTBANK, INVESTIMENTO DA 6 MILIARDI. La cessione di Postbank, acquistata nel 2008 per 6 miliardi di euro, sarebbe il maggior cambiamento di strategia sotto la guida dei due Ceo, Anshu Jain e Jurgen Fitschen. In particolare, scrive il Financial Times, in base al primo scenario la cessione della quota in Postbank, di cui solo il 6% è ancora quotato in Borsa, avverrebbe nell'arco dei prossimi 18 mesi e porterebbe Deutsche Bank a concentrarsi maggiormente sulla clientela retail. In seconda battuta, la banca potrebbe dividersi in due divisioni: una dedicata all'investment banking e asset management e l'altra alle attività retail, che verrebbe poi quotata nell'arco dei prossimi due anni e mezzo. IL SINDACATO: 33 GIORNI DI SCIOPERO. Il sindacato Verdi ha già indetto 33 giorni di sciopero preventivo in attesa della decisione finale del board, chiudendo 670 filiali per un periodo che in alcuni casi è arrivato anche a quattro giorni. La prossima fase avrà "un effetto pronunciato", ha spiegato il sindacato in una nota. Una decisione finale del Cda di Deutsche Bank è attesa entro la fine del mese.

Correlati

Potresti esserti perso