Economia 23 Aprile Apr 2015 1538 23 aprile 2015

Information technology, è occupato il 93%

  • ...

L'information technology non soffre la crisi del lavoro. L'occupazione è pari al 93% e i professionisti dell'IT si dichiarano motivati nel 52,9% dei casi ma anche molto stressati. Il 77% è disposto a cambiare regione solo a fronte di un miglioramento economico o di carriera. E' quanto emerge dalla ricerca di Michael Page sulle professioni It, basandosi su un campione di 586 intervistati in tutta Italia. Di questi, il 91% è costituito da uomini, il 9% da donne; l’8% ha un’età al di sotto dei 35 anni, il 54% fra i 36 e i 45 anni e il 38% oltre i 45 anni. Il 26% ricopre questo ruolo nell’industria, il 25% nella consulenza e il 15% nel settore banca e assicurazioni. Infine, il 33% è in possesso di un diploma, il 24% di una laurea di secondo livello e il 23% di una laurea in ingegneria. IDENTIKIT DEL CAMPIONE ANALIZZATO. Il campione considerato è formato da persone che si occupano nel 32,8% dei casi di progetti trasversali, nel 21,3% di software, per il 13,3% di infrastrutture e di progetti Erp per il 13,1%.  Un dato di tutto rispetto, confrontato all’attuale momento storico in cui ci troviamo, è l’altissimo livello di occupazione (93,2%) che si registra tra i professionisti It. Il 52,7% guadagna tra i 35 e i 55mila euro. In particolare, tra chi si occupa di software il 70,4% percepisce uno stipendio inferiore ai 55mila euro annui, mentre chi gestisce progetti trasversali guadagna più di 55mila euro.  Si dichiara motivato il 52,9% degli intervistati. Importante fonte di soddisfazione sarebbe  il riconoscimento, che però  è un  elemento poco diffuso all’interno degli attuali contesti di lavoro: lo ritiene importante il 96,8%, ma solo il 32,4% pensa di averne all’interno del proprio ambiente lavorativo. Il 54,2% lega la propria soddisfazione invece allo stipendio. CARRIERA, LE DONNE SONO SFIDUCIATE. Le donne sono scoraggiate: il 39,1% sul campione ritiene di non avere opportunità di carriera e il 30,4% si lamenta dello stipendio. Sia uomini (95%) sia donne (84%) si trovano d’accordo nel chiedere al datore di lavoro l’opportunità di affrontare nuove sfide, in termini di progetti e tecnologie. Questa appare una delle maggiori e più importanti leve a disposizione dei datori di lavoro per trattenere il talento in azienda.   In quanto allo stress, solo il 37,5% dichiara di non vivere situazioni stressanti. Dai dati emerge inoltre che il settore It è caratterizzato da staticità delle posizioni: i due terzi del campione, pari al 64,8%, lavora da almeno quattro anni nella stessa azienda. Interrogati circa il futuro, il 74,4% ha una percezione positiva del mercato e dell’evoluzione dei settori It. COME RECLUTARE PROFESSIONISTI DELL'IT. E se un’azienda vuole attrarre un talento IT? “Le motivazioni che spingono questi professionisti a cambiare azienda sono in primis lo stipendio (67,1%), poi la chiara definizione del ruolo e delle responsabilità (53,4%) e un chiaro percorso di carriera (41,8%)” - dichiara Angela Battaglia, responsabile divisione Technology di Michael Page. “Per il 37,2% la dimensione ideale dell’azienda in cui lavorare in futuro è irrilevante. E, contrariamente a quanto comunemente si può pensare”, continua Battaglia, “ben il 77,1% è disposto a trasferirsi in un’altra regione a fronte però di un piano di carriera importante o pacchetti retributivi migliorativi di una certa rilevanza”   Come trattenere un talento in azienda? L’indagine mette in luce l’importanza di un buon rapporto e della qualità di vita e lavoro, la visibilità del ruolo all’interno della struttura societaria, l’adeguamento dello stipendio e il suo aumento in base alla seniority, oltre alla crescita professionale ed economica, ma soprattutto investimento nella formazione costante, in particolare nelle nuove tecnologie che per i professionisti IT rappresenta un valore  inestimabile e imprescindibile.

Articoli Correlati

Potresti esserti perso