Economia 5 Maggio Mag 2015 1517 05 maggio 2015

Ei Towers, indagato tutto il board

  • ...

La Guardia di finanza nella sede di Ei Towers. I militari hanno perquisito gli uffici della proprietaria del segnale delle reti Mediaset, che alcuni mesi fa aveva lanciato un'offerta pubblica di acquisto e scambio di azioni Rai Way, poi bocciata dalla Consob. Stando a quanto riferito da fonti legali, risulterebbero indagati tutti i nove componenti del Consiglio di amministrazione (cda) di Ei Towers. Il reato ipotizzato nei loro confronti è quello di aggiotaggio ed è relativo proprio al lancio dell'offerta pubblica di acquisto e scambio sulle antenne della tivù pubblica. Quando fu lanciata l'offerta, i membri del cda di Ei Towers erano il presidente Alberto Giussani, gli amministratori Guido Barbieri e Valter Gottardi, Manlio Crucciatti, Piercarlo Invernizzi, Michelle Pirotta e Richard Adam Hurowitz. Hurowitz è il solo a non essere stato confermato dopo il rinnovo dei vertici deciso dall’assemblea dei soci lo scorso 21 aprile. CARTE SULL'OFFERTA. Le perquisizioni, da quanto si è appreso, sono state disposte dal pm di Milano Adriano Scudieri al fine proprio di raccogliere carte sull'offerta pubblica di acquisto e scambio di Ei Towers su Rai Way. L'azienda degli apparati di trasmissione del segnale radiotelevisivo di Mediaset aveva lanciato lo scorso 24 febbraio l'Opas a 4,5 euro per azione puntando, in un primo tempo, ad almeno il 66,7% del capitale della società torri della Rai. L'operazione, lanciata a sorpresa, aveva provocato una levata di scudi. Il governo era intervenuto per dire che la maggioranza sarebbe rimasta comunque in mano pubblica (viale Mazzini ha in mano il 65% di Rai Way), l'Antitrust aveva aperto un'istruttoria giudicando la prospettata fusione pericolosa per la concorrenza, la Consob aveva prima congelato poi bocciato la proposta di acquisto e scambio. OFFERTA RITIRATA. La decisione di Ei Towers di abbassare dal 66,7 al 40% la soglia per la validità dell'Opas, secondo la Commissione, ha fatto infatti venir meno i presupposti e gli obiettivi della proposta. A fronte del no arrivato, in seguito, pure dal Consiglio d'amministrazione di viale Mazzini anche all'Opas modificata, Ei Towers ha gettato la spugna e a metà aprile, dopo settimane di passione, ha ritirato l'offerta.

Correlati

Potresti esserti perso