Pensioni Inps 150515121118
PREVIDENZA 15 Maggio Mag 2015 1644 15 maggio 2015

Inps, 65 miliardi per le pensioni degli statali: assegni più magri per le donne

La somma media per i dipendenti pubblici è di 1.772 euro: il 72% in più dei privati.

  • ...

L'importo medio calcolato dall'Inps per le pensioni dei dipendenti Pa è più alto per gli uomini, 2.175,1 euro contro i 1.486 euro delle donne.

Le pensioni dei dipendenti pubblici gravano per complessivi 65 miliardi sulle casse dell'Inps. Denaro in gran parte destinato a ex statali di sesso maschile. A rivelarlo l'Osservatorio dell'Istituto nazionale della previdenza sociale, per il quale le pensioni erogate dall'Inps gestione dipendenti pubblici al primo gennaio 2015 sono 2.818.300, lo 0,16% in più rispetto a quelle vigenti al primo gennaio 2014. La spesa complessiva, come detto, ammonta a quasi 65 miliardi di euro, in aumento dello 0,75% rispetto all'anno precedente.
ALLE DONNE IL 68%. A destare scalpore anche la cospicua differenza tra generi nella somma destinata ai beneficiari degli assegni. Se la pensione media lorda mensile dei dipendenti pubblici è al primo gennaio 2015 di 1.772,9 euro, 10 euro in più rispetto allo scorso anno, l'importo medio è più alto per gli uomini, 2.175,1 euro contro i 1.486 euro delle donne. Queste ultime rappresentano il 58,4% del totale dei pensionati, ma l'importo è pari,in media, al 68,3% di quella dei maschi.
IL 72% IN PIÙ DEI PRIVATI. Le pensioni vigenti dei dipendenti pubblici nel 2015 valgono inoltre circa il 72% in più rispetto a quelle medie dei lavoratori dipendenti del settore privato (1.026 euro). Sulle pensioni liquidate nel 2015 la differenza è tra 1.872 euro per i pensionati pubblici e 1.012 euro per i privati. Spicca poi il dato complessivo del settore sanitario, con un importo medio oltre 4.100 euro: tre volte quanto ricevono gli insegnanti. Mentre il 96% delle pensioni degli autoferrotranvieri è superiore a quanto si avrebbe avuto sulla base del calcolo contributivo.

Articoli Correlati

Potresti esserti perso