Standard Poor 120704184300
GIUDIZIO 15 Maggio Mag 2015 1830 15 maggio 2015

Standard & Poor's conferma il rating all'Italia: resta BBB-

L'agenzia: «Promozione possibile in caso di completamento delle riforme. Pil 2015 a +0,4%».

  • ...

Un ufficio di Standard and Poor's.

Standard & Poor's ha lasciato il rating sull'Italia a BBB-, un gradino sopra il livello 'junk', mantenendo le prospettive stabili sul merito di credito.
«La ripresa economica in Italia è in corso, principalmente per fattori esterni», ha spiegato S&P in una nota, «ma in un ambiente di bassa competitività la crescita si fermerà quest'anno allo 0,4%, per accelerare a +1% in media fra il 2016 e 2017».
«RATING PUÒ SALIRE CON RIFORME». L'agenzia di rating ha aggiunto che potrebbe promuovere l'Italia «se il governo realizzasse integralmente riforme strutturali» che portino a un aumento della crescita facendo scendere il debito. Ma potrebbe anche tagliare se «dovessero persistere le rigidità nel lavoro e nei mercati dei prodotti e servizi» o se ci fosse uno stop al consolidamento di bilancio. Consolidamento di bilancio che è basato «più sulla riduzione degli interessi che sul miglioramento del bilancio primario», con la sentenza della Consulta sulle pensioni che «complica il conseguimento degli obiettivi».

Correlati

Potresti esserti perso